Eduardo De Filippo scriveva…

pace

Io vulesse truva’ pace 

Io vulesse truva’ pace;
ma na pace senza morte.
Una, ‘mmiez’ a tanta porte,
s’arapesse pe’ campa’!

S’arapesse na matina,
na matin”e primmavera,
arrivasse fin”a sera
senza di’: “nzerrate lla’!

Senza sentere cchiu’ ‘a ggente
ca te dice: “io faccio…io dico,
senza sentere l’amico
ca te vene a cunziglia’

Senza sentere ‘a famiglia
ca te dice: Ma ch’he fatto?
senza scennere cchiu’ a patto
cu’ ‘a cuscienza e ‘a dignita’.

Senza leggere ‘o giurnale
‘a nutizia ‘mprussiunante,
ch’e’ nu guaio pe’ tutte quante
e nun tiene che ce fa.

Senza sentere ‘o duttore
ca te spiega ‘a malatia
‘a ricetta in farmacia
l’onorario ch’he ‘a pava’

Senza sentere stu core
ca te parla ‘e Cuncettina
Rita, Brigida, Nannina…
chesta si’… chell’ata no.

Pecche’ insomma si vuo’ pace
e nun sentere cchiu’ niente
‘e ‘a spera’ ca sulamente
ven’ ‘a morte a te piglia’?

Io vulesse truva’ pace
ma na pace senza morte.
Una,’mmiez’a tanta porte
s’arapesse pe’ campa’
S’arapesse na matina
na matina ‘e primmavera
e arrivasse fin’a sera
senza di’ “nzerrate la’!”

In Italiano perde  il 50% ….  però è pur sempre un’opera d’arte

Io vorrei trovare pace

ma una pace senza morte.
Una, in mezzo a tante porte,
si aprisse per campare!

Si aprisse una mattina,
una mattina di primavera,
arrivasse fino a sera
senza dire: fermati la!

senza sentire piu la gente
che ti dice: “io faccio..io dico”,
senza sentire l’amico
che ti viene a consigliare

Senza sentire la famiglia
che ti dice: Ma che hai fatto?
senza scendere piu a patti
con la coscienza e la dignità.

Senza leggere il giornale
la notizia impressionante,
che e’ un guaio per tutti quanti
e non hai da farci ( non ci puoi far nulla, ndr)

Senza sentire il dottore
che ti spiega la malattia
la ricetta in farmacia
l’onorario che hai da pagare

Senza sentire questo cuore
che ti parla di Concettina
Rita, Brigida, Nannina…
questa si…quell’altra no.

Perche’ insomma se vuoi pace
e non sentire piu niente
devi sperare solamente che
viene la morte a prenderti?
Io vorrei trovare pace
ma una pace senza morte.
Una, in mezzo a tante porte
si aprisse per campare

Si aprisse una mattina
una mattina di primavera
e arrivasse fino a sera
senza dire: fermati la’!

———

Se non ci isoliamo dai pensieri negativi che ci vengono gettati addosso

dalla società, dai mezzi di comunicazione e da   persone  che anche

involontariamente ci circondano di pensieri   negativi e che  succhiano energia  

non riusciremo mai a migliorare la qualità della nostra vita

perchè questi pensieri e idee negative non solo influenzano il nostro umore

ma anche la realtà che ci circonda e  influenzano negativamente il nostro futuro.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: