La legge del Calidoscopio

di Camillo

(E-cat Qx – parte seconda)

Facciamo seguito all’articolo recentemente  pubblicato sul funzionamento dell E-cat di Rossi, dove abbiamo dato una possibile spiegazione di funzionamento. Qui di seguito cerchiamo di chiarire meglio il concetto.

Il fenomeno che sta cercando di usare Rossi in alchimia lo potremmo rappresentare con il simbolo del CALIDOSCOPIO (derivazione spagnola)
Calidoscopio = “Apparecchio fatto con due o più specchietti disposti ad angolo entro a un tubo, dove si trovano alla rinfusa piccoli oggetti colorati: le riflessioni multiple formano immagini spesso simmetriche che mutano in modo imprevedibile e variabilissimo a ogni movimento”.

Questo è quello che in definitiva dovrebbe fare il Qx : Scuotere e guardare il cambiamento.

calidoscopio.jpg

Nel caso dello scuotimento dell’ONDA PORTANTE il cambiamento che si ottiene porta a vari effetti il più eclatante è… qualcosa di simile all’antigravità (effetto Hutchison).
Aprire questo velo alchemico, se da una parte apre la via delle stelle, dall’altra apre la via dell’autodistruzione.

Purtroppo l’universo è fatto sempre e comunque da opposti, quindi c’è il lato chiaro altruista, e il lato oscuro egoista.

opposti
Pertanto in alchimia si viaggia molto con segreti, si trasmette tutto con simboli; solo chi conosce la chiave comprende.
Le aperture dei “veli” vanno calibrate, serve il tempo giusto, il modo giusto, l’ambiente giusto, per “non dare le perle ai porci” .
Noi guardiamo qualcosa che è presente per tutti, ma che distrattamente la gente NON coglie, si chiamano “segni o coincidenze”.
Il fatto di escludere certe persone dal ricevere informazioni, non è un atto di razzismo, ma è dovuto alla comprensione che le anime NON hanno tutte lo stesso grado di evoluzione. Non si può pensare che un bambino capisca che è sbagliato rompere gli oggetti con un martello, semplicemente non bisogna dare il martello al bambino per farlo giocare.

il bambino non ha ancora le capacità di discriminare, di comprendere la gravità delle conseguenze: sempl non dategli il martello!
Il bambino è un bambino non trattatelo da adulto.

Qui di seguito cercherà di mescolare la linea scientifica con quella alchemica. Questa non è poi una novità. Il più grande fisico esistito è universalmente riconosciuto essere Newton che era un grande alchimista. Egli riuscì perfettamente a scremare molti concetti alchemici traducendoli in principi fisici descrivibili con la matematica.

isaac

LA LEGGE DEL CALIDOSCOPIO

In matematica questa scrittura si chiama serie.

F= a1 + a2+ a3+a4

Il Qx è uno strumento che opera usando la legge del calidoscopio. Per tradurre questa legge alchemica in formulazione matematica possiamo usare questa formulazione:

Sia data la serie:

Eff = Sc * T~ * ( a(esp) + b(esp) +c(esp) + d(esp)… )

dove i vari termini della serie sono:

Eff → rappresenta l’effetto risultante

Sc → E’ il primo termine che rappresenta lo scuotimento dell’Onda portante (impulso Tesla)

T~ → E’ il Treno d’onda catalitico (potrebbe essere anche una sommatoria di treni d’onda)

a(esp) → sono gli addendi della sommatoria

Esiste un numero grande a piacere di addendi e ognuno apporta una sua caratteristica di cambiamento. La loro incidenza NON è costante.

Se consideriamo che i termini a(esp) + b(esp) +c(esp) …. siano posizionati in ordine di importanza decrescente, potrebbe succedere che in una successiva configurazione i termini stessi si trovino ridimensionati o aumentati di importanza, cosicché un termine che prima si trovava al primo posto può passare in coda perché diventato quasi ininfluente.

Quindi l’ordine di importanza non è fisso il termine a(esp) può diventare molto meno significativo e passare in fondo alla serie perché di ordine inferiore.

(esp) → è l’esponente, e dice sostanzialmente quanto è importante quell’addendo rispetto agli altri.

Purtroppo per i colleghi di fisica l’analogia con la matematica si limita a questo. C’è bisogno di un passaggio di mentalità per aprirsi ad un nuovo paradigma.

A lato pratico la serie si potrebbe leggere così :

Eff =Impulso_Tesla*Treno_d’onda * (miscela_polveri(esp) + temperatura(esp) +ambiente(esp) + d(esp)… )

I vari termini sono intimamente collegati tra di loro, per questo motivo ciascun termine può influenzare in modo più o meno incisivo sulla valenza di un altro termine.

Per esempio possiamo avere una configurazione dove abbiamo una miscela di polveri :

  • se la temperatura è 1000° la componente ambiente potrebbe avere livello di importanza esp =1 (cioè ambiente(1) )
  • se la temperatura è 2000° l’esponente potrebbe diventare di importanza esp =4 quindi ambiente(4). In quel caso la situazione ambientale diventa importantissima, passa in testa nella serie. ( In alchimia si purificava tutto l’ambiente in maniera quasi maniacale)

Come abbiamo visto il treno d’onda ha un importanza più elevata perché è un fattore moltiplicatore.

Ma esso stesso può essere composto da una somma di elementi (onde magnetiche, onde sonore e soprattutto onde mentali)

Le persone presento possono contare moltissimo; la loro presenza può favorire i fenomeni o inibirli totalmente.

I fattori ambientali hanno un’estensione enorme, i più vicini hanno normalmente influenze più elevate. Ma c’è una situazione molto influente, che al giorno d’oggi non è quasi mai considerata o considerate risibili, dovuta alle grandi masse di materia molto distanti da noi: sole, pianeti, costellazioni (che in alchimia erano considerati “viventi”) ma che possono produrre conseguenze.

Naturalmente abbiamo usato una formula matematica per dare una spiegazione equivalente, ma non possiamo sostituire i termini con numeri e fare un calcolo matematico. La formula   è solo una trasposizione simbolico, da simboli alchemici a simboli matematici.

La situazione astrologica, (è dura da credere) eppure conta, certi fenomeni hanno bisogno di condizioni astronomiche esatte. Per fortuna in genere questo addendo è piccolo, ma a volte non si capisce perchè non funziona e la risposta può essere in quel termine. (…Galileo faceva gli oroscopi)

Ora immaginate Andrea Rossi operare con questa roba senza comprendere a fondo le leggi: funziona oggi, non funziona domani, ri-funziona dopodomani, se c’è lui presente va meglio, se c’è uno scettico non va.. C’è da impazzire!

Vende ciò che non ha ma che crede di avere. Quindi ad un certo punto, occorre intervenire e chiarire in cosa consiste la “legge del caleidoscopio” altrimenti sarà difficile potere usare questa tecnologia industrialmente. Mentre il nostro pianeta è al limite della sopportazione e abbiamo bisogno di “free energy” pulita.

Avevo sparso le informazioni un po’ qua e un po’ là. Ora raccolgo le briciole di farina in un’unica pagnotta e fornisco le chiavi di lettura per dare un minimo di realtà a ciò che sto rivelando.

Riguardo al primo termine detto Impulso_Tesla ne ho parlato nell’articolo sulla free-energy.

Riguardo il temine onde_catalitiche(esp) troverete che già nel 1953 esisteva un brevetto che aveva rivelato uno strano effetto. Quell’esperimento non portò a nulla perché mancava l’impulso_Tesla, in quel caso lo scopritore era un “attivatore” inconsapevole con la sua presenza e le sue convinzioni realizzava lo scuotimento dell’onda. Esistono tra noi esseri detti “magnetici” oppure “Nagual” nei racconti sciamanici di Carlos Castaneda quando sono presenti per un bel raggio d’azione, tutta la realtà riceve scossoni e si rammollisce. Ne parlo nell’articolo sul Brevetto 1953

aggiungendo l’impulso tesla e regolando le frequenze si ottengono fenomeni incredibili, perché si entra nel linguaggio binario che gestisce Matrix.

Per correttezza informativa va detto che queste sono onde elettromagnetiche, ma si possono utilizzare altre onde, per esempio le sonore (sta entrando l’informativa con Cardone). Ne parlo nell’articolo Fisica 4.0

Se le onde sonore sono intense possono fare anche a meno dell’impulso_Tesla, ma il tutto si complica a seconda delle capacità attivatorie dei ricercatori. Per il momento penso che saranno in difficoltà con la ripetibilità.

Per la legge alchemica dell’equilibrio l’ho messa qui.

Per quanto riguarda le mie esperienze potete trovarle esposte in questo seminario che ho tenuto “Dalla Fisica allo Sciamenesimo” (mi scuso per il sonoro, abbiate pazienza).

Il discorso degli “attivatori” l’ho presentato come romanzo lo trovate sotto il titolo “sognando Atlantide” oppure lo scaricate qui:

Non so come andrà a finire, io sono solo cinghia di trasmissione.

La meta suggeritami dal mio Maestro è la Costruzione di una superciviltà.

Ringrazio il mio Maestro di alchimia, che mi ha fatto salire i gradini del vero Sapere, Carlos Castaneda per il modo incredibile di raccontare l’alchimia sciamanica, il cerchio77 per la chiarezza, Daskalos e John Cang (agopuntore e arti marziali alchemiche)

Spero di aver seguito umilmente i segni attendendo il momento giusto per coagulare il tutto in un’unica struttura coerente, accessibile ad una parte anche scientifica disponibile ad aprirsi e a presentarsi non come guardiano assoluto del sapere, ma come chi va al sapere con il cappello in mano e il bicchiere vuoto.

 

Annunci

One thought on “La legge del Calidoscopio”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...