FUSIONE FREDDA

FUSIONE FREDDA

introduzione

l’alchimia ci racconta da millenni delle capacità umana  di trasmutare gli elementi  “a bassa temperatura” . Con l’avvento del metodo scientifico, gli scienziati hanno  progressivamente irrigidito il loro atteggiamento verso l’ignoto. Se  in un primo momento si trattava di una posizione equilibrata  che ha portato  ottimi risultati di metodo, di stabilità delle informazioni, con  progressi per la società, nel tempo l’atteggiamento si è via via irrigidito su posizioni scettiche e miopi.   Così facendo si è  di fatto bloccato il libero pensiero e la possibilità di   sviluppo di tecnologie basate su interpretazioni nuove ed alternative della realtà. La lobby  accademica, come i mandarini di epoca passata, per paura di perdere  controllo e   vantaggi derivanti dalla posizione sociale di gestori  della cultura,  si sono comportati  come una sorta di novella casta sacerdotale. Le varie  scienze,  ma in particolare la fisica si è  trincerata dietro a  dogmi, che dovevano essere accettati senza contradittorio più per fede che per altro. Per  entrare a far parte di questa cerchia, si doveva in un certo senso giurare fedeltà ed obbedienza a questi principi, senza farsi troppe domande, come atto di fede assoluta. E soprattutto era proibito   assaggiare la mela dell’ albero della  “scienza di confine”, pena l’allontanato e la derisione o se non  addirittura la reclusione come  pazzo . Questo atteggiamento ha fatto si che dopo le brillanti scoperte  della fine 800 primi 900, la fisica si sia arenata e non sia riuscita a fare il necessario salto di qualità, per permettere all’essere umano di capire profondamente la realtà che lo circonda. Ma quel  che è peggio lasciando alla maggior parte delle persone che non approfondiscono l’argomento,  in un senso di letargia mentale e appagamento, dovuta alla convinzione errata  che la nostra scienza sia  già in grado di dare delle risposte efficienti  su tutto, e che chi cerca di fare ricerche innovative sia un novello Don Chichotte  che sta solo perdendo tempo combattendo contro i mulini a vento. 

Un amico, fisico renitente, che da 30 anni si interessa di questi argomenti, mi ha sottoposto questo documento, che dà una spiegazione “non allineata” all’effetto della fusione fredda :

ENERGIE

Le due più importanti parole della fisica sono: Forza ed Energia.

La forza è dinamica, legata al cambiamento, infatti questa grandezza fisica cerca di modificare l’ambiente.

L’energia ha un comportamento più statico, quando un corpo acquista o perde energia il suo aspetto cambia di poco.

Per esempio una massa che acquisisce energia potenziale non cambia di aspetto ma è solo la sua posizione a variare.

Anche una massa che acquista energia cinetica non cambia di aspetto ma solo di velocità.

Un condensatore elettrico carico non appare differente da uno scarico. Insomma l’energia che entra ed esce da un oggetto lo fa quasi di nascosto.

La proprietà più importante dell’energia è quella di conservarsi.

Da questo punto di vista la fisica divide le energie in due categorie:

–        quelle che si possono trasformare una nell’altra in modo reversibile;

–        quelle che non sono in grado di farlo.

Consideriamo una palla di gomma perfettamente elastica che cade dall’alto. Quando la palla è in alto possiede energia potenziale, man mano che scende l’energia potenziale si trasforma in cinetica, quando tocca terra la palla si deforma e l’energia si trasforma in energia elastica, quindi l’energia elastica si trasforma in cinetica e la palla risale acquistando energia potenziale. Se non intervenissero le energie dissipative dovute agli attriti la palla rimbalzerebbe all’infinito.

Le energie dissipative tendono a trasformare qualsiasi energia in calore. Il calore è una forma di energia paragonabile ad un buco nero che ingoia tutte le energie. Il calore non può trasformarsi totalmente nelle altre forme di energia, solo una parte del calore può essere convertita.

Il risultato finale è che il calore totale dell’universo tende ad aumentare.

Ci sono poi altre forme di energie che possiamo definire con il termine di “energie sottili”. Questo termine è molto usato soprattutto nel campo esoterico. Una volta un mio compagno d’università mi chiese se sapevo definire queste misteriose energie di cui tutti parlano, ma che noi non avevamo mai studiato a scuola.

Gli risposi così: “Considera due libri identici fino all’ultimo atomo. Nel primo libro l’inchiostro forma solo un grande macchia nera, nel secondo libro l’inchiostro compone frasi, parole, concetti per esempio potrebbe contenere tutta la teoria per fare una bomba atomica. Ebbene fisicamente e chimicamente i libri sono identici ma non mi dirai che il secondo libro non ha energia! Poiché per definizione l’energia è la capacità di far produrre un cambiamento nell’universo dovrai convenire che possedere l’informazione sulla costruzione della bomba atomica modifica le cose.”

Con l’avvento dei computer ci siamo resi sempre più conto che l’informazione è una forma di energia non grossolana, non visibile, non facilmente comprensibile cioè “un’energia sottile”.

________________________________________________________________________________

Capitolo 1 

Ho potuto visionare un’ottima traduzione di un articolo di A. Lindemann. Nell’articolo si citano altre due fonti: Gerry Vassilatos ed Eric Dollard.

Vassilatos ha riportato accuratamente la storia delle scoperte del grandissimo ingegnere Nikola Tesla, padre dell’attuale distribuzione di corrente alternata con oltre 700 brevetti.

Eric Dollard è stato il primo di questa generazione a capire veramente il lavoro di Nicola Tesla sulle correnti a impulso, e ha ripetutamente dimostrato questa conoscenza con un apparato sperimentale.

Dalla lettura delle esperienze di Tesla emerge la seguente impostazione teorica.

Esiste un livello di materia formato da particelle più piccole dei Quark.

Le particelle che appartengono a questo livello, sono più piccole del quark per diversi ordini di grandezza. Sotto un certo punto di vista, si può affermare che queste particelle formano quello che è chiamato “etere” la cui esistenza è messa in dubbio dalla fisica classica.

Vista la loro dimensione piccolissima, esse sono in grado di penetrare tutta la materia.

Così come le particelle più grossolane tipo elettroni, protoni… sono considerate sia onde che particelle, a maggior ragione anche queste possiedono tale dualità.

Queste particelle formano il substrato di tutto questo universo materiale e rappresentano il piano zero, cioè le fondamenta su cui poggia l’intera struttura della materia.

Nikola Tesla dimostra di poter isolare l’etere dal resto della materia e ne studia le caratteristiche. Aggiungiamo a questo la seguente stupefacente dichiarazione di Tesla, riportata nel numero di giugno 1900 del Century Magazine (pagina A145):

 

“Qualunque cosa possa essere l’elettricità, è un dato di fatto che essa si comporta come un fluido incomprimibile e la terra può essere vista come un’immensa riserva di elettricità…”

 

Considerando che Nikola Tesla è l’inventore del sistema di distribuzione elettrica polifase usato oggi in tutto il mondo, è incredibile che egli affermi di non sapere cosa sia l’elettricità, ma che essa si comporta proprio come un fluido sotto pressione! Questa interpretazione dell’elettricità, naturalmente, è completamente fuori dalla visione accettata. L’affermazione di Tesla che l’elettricità si comporta come un fluido incomprimibile suggerisce la seguente domanda:

A quale fluido si sta riferendo?

Potrebbe essere questo uno degli enigmatici riferimenti di Tesla al gas eterico, come suggerisce Vassilatos?

Ipotesi.

Le leggi inerenti a questo etere potrebbero essere:

1) L’elettricità ha due componenti:

a) un elemento fluido, sottile che fa da supporto;

b) un elemento più grossolano costituito dalle cariche elettriche note.

Un primo paragone potrebbe essere dato dall’immagine di un fiume su cui galleggiano delle sfere che si muovono perché trasportate dalla corrente.

Le pareti degli argini e il letto del fiume sono il filo di rame su cui viaggia l’elettricità.

L’acqua, formata da molecole piccolissime, funge da agente di trasporto e corrisponde all’etere.

Le palle galleggianti sono le cariche elettriche trasportate.

La fisica attuale, considera solo le palle in movimento. Tesla prende in considerazione anche il secondo elemento: l’acqua.

2) Le cariche elettriche sono trasportate dall’etere.

Il movimento della parte eterica precede il movimento delle cariche elettriche più grossolane.

E’ come se gli elettroni della fisica classica non avessero una loro capacità di movimento, ma possano solo essere trasportati. Ecco quindi che si deve creare un flusso eterico, (una corrente d’acqua) che si incarica del loro trasporto.

In fisica noi stabiliamo che una differenza di potenziale applicata ai capi di un filo di rame, spinge le cariche a muoversi da una parte all’altra.

Noi ipotizziamo qui che sia l’etere a ricevere l’ordine di muoversi, non le cariche elettriche; queste vengono pensate come esseri senza gambe che necessitano del trasporto fatto dal flusso eterico.

Sembra una differenza insignificante ma in realtà crea dei fenomeni diversi.

La principale differenza sta nel fatto che se noi riusciamo a creare una corrente eterica senza usare come causa una differenza di potenziale, potremo avere un movimento delle cariche elettriche senza che ci sia una differenza di potenziale a generarlo.

Mi rendo conto che questa sottigliezza non è facile da assimilare. Riprendiamo il paragone del fiume.

In un fiume l’acqua scorre perché c’è un dislivello. Maggiore è il dislivello, più velocemente scorrerà l’acqua. In elettricità il dislivello è chiamato differenza di potenziale, (si misura in Volt). Il dislivello è creato dalla presenza delle cariche elettriche stesse.

Con una visione molto umanizzata, potremmo pensare che alla fine del fiume ci siano tante belle ragazze (elettroni), all’inizio del fiume ci sono tanti bei giovanotti (protoni). Il desiderio di riunirsi crea il movimento. Più alto è il desiderio più alto è il dislivello. In fisica diciamo che aumentando il numero di cariche elettriche, aumentiamo la differenza di potenziale.

Il numero di cariche elettriche sono quindi sia la causa che provoca la pendenza del fiume, sia l’effetto consistente nel numero di cariche trasportate lungo il fiume.

In conclusione poche cariche provocano poco dislivello e poca corrente, tante cariche …

Nella nuova visione si può teorizzare che il movimento del fiume non debba essere necessariamente creato da un dislivello, ma che il fiume venga obbligato a scorrere anche in una pianura, semplicemente perché abbiamo usato una pompa artificiale che crea la corrente.

Non sono più necessarie le cariche elettriche come agente causativo.

D’altro canto una volta innescata la corrente con una pompa, eventuali cariche elettriche presenti nel fiume vengono trasportate. Esse non sono più la causa del loro movimento, bensì sono solo effetto passivo di un’altra causa.

3) Effetto mandria in corsa.   Quando si manda corrente ad un circuito elettrico, succede che l’etere, dotato di massa inerziale nettamente inferiore rispetto alle cariche elettriche, parte per primo, si muove più velocemente e sembra quasi vada ad occupare istantaneamente tutto il percorso. Ma non è seguito con la stessa velocità dalle cariche elettriche dotate di massa inerziale di gran lunga maggiore. L’etere allora sembra tornare indietro, proprio come chi ha perso qualcosa per strada e torna sui suoi passi. Se però dietro c’è una grossa quantità di cariche che spingono alle spalle, l’etere non ce la fa a ritornare indietro; ne risulta una compressione di etere nel circuito elettrico che viene irrorato. Questo accade solo per un piccolissimo istante al momento dell’impulso di accensione.

Esiste quindi un tempuscolo X durante il quale nel circuito che riceve l’elettricità c’è più etere di quanto gli spetti. In pratica è come dire che in quel circuito doveva arrivare una quantità 100 di etere e 30 di elettroni; ebbene per un tempuscolo X è presente una quantità 300 di etere e 20 di elettroni. E’ arrivato più etere di quello che serviva. Subito dopo si ripristina l’equilibrio.

Il tempuscolo X in genere è praticamente uguale a zero. Se però c’è una forte spinta da dietro il tempuscolo diventa apprezzabile, perché l’etere in surplus che cerca di tornare indietro per ripristinare l’equilibrio si trova una specie di mandria già lanciata in corsa. In una mandria di bufali in corsa che trova un ostacolo improvviso, gli animali in testa al gruppo non riescono ad arrestare la corsa anche volendolo. Pertanto questo effetto lo chiameremo MANDRIA IN CORSA.

 4) Effetto gregge

 

L’etere libero cerca la compagnia dei suoi simili, e tende ad aggregarsi.

Qui c’è la prima grande differenza con l’elettricità. (Nella fisica quantistica i bosoni  si comportano in modo simile)

Se mettiamo 4 cariche elettriche dello stesso segno su un conduttore; esse si dispongono in modo da allontanarsi il più possibile l’una dall’altra.

Se mettiamo 4 cariche “eteriche” dello stesso segno, tendono a riunirsi più che a respingersi.

Più precisamente più sono simili più si attirano. Ricordano un po’ il mercurio che tende a riunire le piccole gocce in una sola più grande. Secondo l’antico detto alchemico “ il simile attira il proprio  simile”

5) Conduzione dell’etere

 

L’etere si può propagare ovunque, potendo penetrare qualsiasi materia. L’etere ha però delle preferenze: ama di più i buoni conduttori, o meglio il materiale che lui attraversa più volentieri è chiamato buon conduttore elettrico.

L’etere preferisce star lontano dal magnetismo; il ferro soprattutto se magnetizzato non risulta per lui un buon conduttore. L’acciaio inox 18/10 è invece gradito in quanto ha perso le proprietà magnetiche.

In particolari circostanze l’etere può muoversi liberamente, non rispettando la geometria euclidea.

6) Aspetto bipolare dell’etere

 

La materia eterica può suddividersi in una prima classificazione, come composta da due tipi differenti di particelle. Chiameremo le due particelle eteriche “orgone YANG” e “orgone YIN” (vedi capitoli seguenti)

7) Effetto arcobaleno

 

L’etere è formato da particelle aventi una vasta gamma di frequenze vibratorie.

Le vibrazioni più basse appartengono ad un etere con comportamenti più vicini alla fisica classica. L’etere formato da particelle con vibrazioni più elevate, presenta un aspetto più marcatamente ondulatorio, ma soprattutto risente maggiormente “dell’imprinting psichico.”

8) Effetto imprinting omeopatico

L’etere libero può ricevere istruzioni, comandi, qualità.

Se l’etere attraversa un oggetto materiale, tende ad acquistarne le qualità!

Come accade quando della luce bianca diviene azzurra se attraversa un vetro azzurro, così è per l’etere.

Ricorda molto una cellula staminale che riceve un imprinting ed è sollecitata a realizzare qualcosa di ben preciso.

L’imprinting è in relazione con la frequenza di vibrazione.

L’imprinting può venire da una forma, da un colore, da un suono, da un campo elettrico… ma soprattutto dall’intenzione, stati d’animo, emozioni di un essere vivente.

Due sono gli imprinting fondamentali:

Il Sole genera particelle che ne trasportano le qualità: ho chiamato tali particelle “orgoni YANG”.

La Terra assorbe e riemette le particelle ricevute che ne trasportano le qualità; ho chiamato queste particelle “orgoni YIN.”

________________________________________________________________________________

Capitolo 2

 Prime verifiche. Scarica di un condensatore.

Tesla si accorse che nell’attimo in cui veniva data corrente alla rete c’era una specie di rinculo, in accordo con le normali leggi della fisica. Il rinculo prende il nome di Forza Controelettromotrice ed è previsto dalle leggi di Maxwell. Lo strano era che la potenza di rinculo superava di molto quella prevista dalla teoria. Furono fatti molti studi anche perché si verificarono molti incidenti mortali inspiegabili.

 

Consideriamo un condensatore carico che viene scaricato attraverso una resistenza

Il risultato della scarica di un condensatore sarà sempre una oscillazione smorzata.

Se alimentiamo il condensatore opportunamente, esso sarà assimilabile ad un generatore.

Si osserva che l’andamento della corrente ha una dissimmetria. Quando si chiude il circuito ai capi della resistenza compare una tensione V. La corrente percorre il circuito in senso inverso con un picco negativo, poi si normalizza ubbidendo alla legge di Ohm della corrente continua, praticamente ignorando il solenoide. Infine, al momento di distacco, si nota un picco di corrente in verso positivo. Nei momenti di transizione il solenoide fa sentire la sua presenza seguendo la legge di Lenz. Infatti il solenoide genera una corrente tale da contrastare ed impedire in ogni modo il cambiamento di stato.

Da sempre però si è notata la dissimmetria tra i due picchi. Il picco di corrente verso il basso, generato dall’inizio dell’arrivo delle cariche, è minore del picco di corrente verso l’alto dovuto all’interruzione della corrente. Questa anomalia non ha mai ricevuto una valida spiegazione.

Come minimo doveva essere un campanello d’allarme che segnalava che durante le transizioni le leggi dell’elettronica sono inesatte.

________________________________________________________________________________

Capitolo 3

IPOTESI DI TESLA 

L’idea di Tesla è che l’elettricità abbia due componenti.
– La componente classica conosciuta, rappresentata dalle cariche elettriche in movimento, che creano i campi elettrici e magnetici.
– E una seconda parte, più nascosta,. invisibile, che però è, per così dire, la “mamma” della prima.. E’ qualcosa che modifica lo spazio e permette alle cariche di muoversi. Immaginate un aratro che tracci un solco e una palla che vi entri seguendo l’aratro in discesa.

Questa seconda strana energia, io l’ho chiamata energia eterica giacché l’etere è un elemento immaginato molto sottile. Molti altri si sono accorti di tal energia, William Reich la chiamò “energia orgonica” visto il tipo di interazione che ha visto nella biologia. Possiamo chiamarla Energia radiante di Tesla.

Consideriamo ora il circuito che Tesla chiamò disgregatore, il nome esprimeva l’idea della disgregazione, o separazione delle due componenti.

Si vede in arancio due fili a bassa resistenza in giallo, che portano la corrente continua alla spira rossa detta disgregatore.
Il termine “disgregatore” coniato da Tesla, sta ad indicare qualcosa che toglie l’aggregazione, cioè separa per qualche attimo le due componenti che secondo Tesla formano l’elettricità, insomma disgregano!
C’è poi l’interruttore che chiude il circuito. Poiché il fenomeno si evidenzia con grandi tensioni e correnti, l’interruttore avrà necessariamente una forte scintilla al momento della chiusura. Certo per piccole tensioni la scintilla non è visibile (ma c’è); in tal caso il fenomeno è poco evidente, per non dire trascurabile.
Qui consideriamo solo il caso che ci sia scintilla.

campi disgregatore

Ci sono due posti dove l’energia è separata,
1° nella scintilla di scarica
2° all’interno della spira (in rosso) che forma il disgregatore vero e proprio.

Disgregazione nella scintilla di scarica.
In giallo c’è l’energia di Tesla (energia eterica) che viaggia più veloce. Apre la strada alla venuta alle cariche elettriche.
In nero le cariche elettriche vere e proprie (o meglio il campo da esse generato) si muovono sfasate ed in ritardo viaggiano più lente.
Per un piccolo istante abbiamo la separazione tra i due fronti di movimento che finiscono con il trovarsi in due zone dello spazio differenti.

Stesso discorso vale per il disgregatore di spira (chiamato da Tesla semplicemente disgregatore)

campi disgregatore2

all’interno (e all’esterno) della spira si propaga il campo eterico e il campo elettromagnetico, sempre sfasati per via della differente velocità.

In definitiva in ambedue i casi c’è una separazione dei due aspetti., certo questo vale solo per brevi attimi, nel momento del cambiamento. Poi tutto torna normale.
Ora tutto sta a vedere come si può sfruttare questo effetto.

Possibili interpretazioni dei fenomeni descritti da Tesla

Vediamo un primo metodo per separare dalla comune elettricità l’etere, secondo il procedimento realizzato da Tesla.

Si sfrutta la proprietà denominata “Effetto mandria in corsa”.

Si prende un condensatore, si carica con un notevole voltaggio e si scarica molto rapidamente in un filo di rame molto grosso con alcune spire. Tesla chiama questo circuito col nome “disgregatore”, in quanto disgrega, separando l’etere dalla parte elettrica.

Caricato il condensatore, si procede alla scarica, chiudendo per un tempuscolo T il circuito, poi si riapre. Se T ha una lunga durata si crea un onda smorzata.

Il primo compito da risolvere è quello di ridurre il tempo T in modo da impedire il “ritorno dell’etere.” E’ come se si volesse operare solo nella parte di curva evidenziata.

Il contatto deve essere ampio per far passare più corrente possibile, ma rapidissimo. Occorre dare un “comando” all’etere di trasportare una grande quantità di cariche, cosicché moltissimo etere va a creare la corrente per il trasporto delle cariche. Ma occorre impedirne il reflusso.

Solo allora si ha l’effetto “mandria in corsa”;  le cariche che spingono dal retro bloccano in parte il rinculo dell’etere.

Per ogni circuito esiste un tempo Tmax (tempuscolo massimo); se si va oltre svanisce l’effetto in quanto l’etere fa in tempo a rientrare e ripristinare l’equilibrio.

Anche le cariche presenti nel condensatore hanno una criticità; esiste per ogni circuito una soglia.

minima di differenza di potenziale Vmin (voltaggio minimo), al di sotto del quale non si ha l’effetto. Questo equivale a dire che la mandria deve avere almeno un certo numero di animali. Tesla operava inizialmente con una quantità di cariche enorme assolutamente mortale.

Nel realizzare il circuito disgregatore, bisogna curare ogni costituente, apportando una modifica alla volta e controllando il risultato.

IL CONDENSATORE e l’alimentazione elettrica.

Qui occorre sperimentare praticamente per stabilire cosa va meglio.

Alcuni autori come John Bedini sostengono la necessità che l’alimentazione parta da un accumulatore, altri come i coniugi Correa propongono triodi e alimentazione normale da rete.

Il condensatore deve essere grosso ma capace di rilasciare le cariche molto rapidamente.

La forma va studiata. Cilindrica? Piana?

Conviene usare un gruppo di molti piccoli o uno grande?

Qual è il dielettrico migliore?

Uno spessore troppo piccolo delle armature crea resistenza?

Le armature devono essere di rame, alluminio, bronzo, ferro? (all’epoca di Tesla l’alluminio era poco usato)

La distanza del condensatore dal disgregatore deve essere necessariamente minima?

L’INTERRUTORE

Deve permettere una toccata e fuga ampia.

All’inizio Tesla usava un contatto mobile rotante, poi escogitò vari accorgimenti.

In primo luogo, c’è la prova che Tesla stava lavorando su circuiti con spinterometri nel tentativo di

raggiungere velocità di scarica sempre più alte.

tesla1

L’illustrazione sovrastante mostra un altro meccanismo di spinterometro.

In questo, Tesla sta soffiando aria calda attraverso un percorso della scarica della scintilla e, come indicato nel testo di accompagnamento, è presente anche un campo magnetico; dal momento che Tesla usava sia aria calda che un campo magnetico con lo spinterometro in questo apparato. Chiaramente stava cercando un’ampia varietà di possibilità per ottenere scariche di scintille più controllabili e, ovviamente, scariche di scintille DC ad alto voltaggio.

La figura sovrastante rappresenta uno dei molti brevetti di Tesla, intitolato “Controllore di circuito elettrico” (Electric Circuit Controller). Questo brevetto è molto interessante perché consiste in due motori elettrici, ognuno dei quali gira in direzione opposta all’altro, con uno spinterometro fra le due parti in movimento. È evidente che Tesla stava chiaramente cercando di raggiungere velocità più elevate di quelle che poteva ottenere facendo ruotare un solo elemento.

Questo è un chiaro esempio del lavoro di Tesla su un controller meccanico sugli spinterometri nel tentativo di aumentare la velocità, così come Vassilatos ha suggerito nel suo libro.

Certamente Tesla avrà pensato anche alle valvole termoioniche.

Un triodo potrebbe raggiungere tempuscoli di accensione veramente interessanti; purtroppo le valvole non portano la necessaria quantità di corrente, quindi andranno bene solo in alcuni casi.

LA SPIRALE DI RAME

La spirale deve essere a bassa resistenza, ogni spira introduce un’induttanza che compare al momento dell’accensione. Le spire sono quindi poche e ben distanziate,

Nei primi esperimenti, Tesla stava osservando semplicemente le scariche. Egli voleva vedere la massima scarica possibile. Egli cortocircuitava semplicemente alimentatori prima, condensatori dopo, usando pesanti sbarre di rame (aveva la potenza dei generatori delle cascate del Niagara a disposizione).

Più tardi, quando incominciò ad usare le spirali amplificatrici (avvolgimento secondario), si preoccupò di creare delle spire nell’apparato disgregatore e ne studiò accuratamente la forma.

Con l’introduzione del secondario, le caratteristiche dell’apparato cambiarono.

Per ottenere la massima scarica nel secondario, Tesla si accorse che conveniva avvolgere a spirale le spire del disgregatore primario, aggiungendo anche una concavità. Il centro della spirale viene tirato verso il basso. Il primario aveva pure una leggera conicità, la parte larga del cono verso la base di appoggio del disgregatore, la parte più stretta del cono verso l’alto.

L’estremità del filo del secondario veniva collegata a terra pesantemente. Occorre agganciare l’energia della terra Yin (Ighina utilizza 7 serbatoi interrati con un quintale di polvere d’alluminio ciascuna).

L’estremità del filo del secondario in alto veniva agganciata all’aria, non serviva solo per scaricare l’energia ma era un invito a uscire nei confronti dell’energia eterica che circolava nel grosso filo di rame (disgregatore).

E’ bene ricordare che Tesla non aveva alcuno strumento per controllare l’effetto, se non il suo corpo.

Tesla avvertiva sulla sua persona “un’onda d’urto particolare” ogni volta che c’era una scarica. Tale onda d’urto passava anche attraverso il vetro o altri schermi. Quindi egli modificava l’apparato al fine di avvertire la massima “onda d’urto particolare”.

Successivamente si accorse che poteva amplificare le scariche e “l’onda d’urto particolare”, aggiungendo un insieme di spire di rame sopra il disgregatore. L’insieme ricordava il trasformatore e veniva logico chiamarlo con quel nome, ma Tesla si sforzava di spiegare che era una cosa diversa con effetti differenti. Così le spire che noi chiamiamo “secondario”, egli le chiamava “circuito moltiplicatore”.

L’introduzione del secondario permette di amplificare il voltaggio, ma anche l’energia in gioco.

Ma da dove proviene l’energia in surplus?

Una prima risposta potrebbe essere che nel piano eterico non è rispettata la regola della fisica riguardo alla conservazione dell’energia. Ma personalmente sono poco propenso a questa ipotesi.Probabilmente è l’”effetto gregge” che fa aumentare l’energia. L’etere in surplus del disgregatore primario va ad avvolgersi sulle spire del secondario, e richiama altro etere dalla Terra o dall’aria.

Nel 1890, dopo un periodo di intensa sperimentazione e sviluppo del progetto, Tesla fece una scoperta più sorprendente, quando mise un solenoide di rame con una lunga singola spira vicino al suo disgregatore magnetico.

La bobina, lunga circa 2 piedi (60 centimetri), non si comportò come facevano i solidi tubi di rame e gli altri oggetti. La sottile spira venne rivestita da un involucro di scintille bianche. Ondulando dalla corona di questa spira, c’erano dei flussi bianco-argentei molto lunghi e simili a fluido, tenui scariche che sembravano essere considerevolmente aumentate di voltaggio. Questi effetti furono molto intensificati quando la bobina a spirale fu messa all’interno del cerchio del filo del disgregatore. All’interno di questa “zona d’urto”, la bobina a spirale fu circondata da un’esplosione, che rimaneva attaccata alla sua superficie, e risaliva la bobina fino alla sua estremità aperta. Sembrava come se l’onda elettrica venisse effettivamente tirata dallo spazio circostante per aggrapparsi alla superficie della spirale, una strana preferenza attrattiva. L’onda elettrica fluiva sulla bobina ad angoli retti rispetto agli avvolgimenti, un effetto incredibile. La lunghezza perpendicolare delle scariche che saltavano dalla corona del solenoide era incomprensibile. Con la scarica del disgregatore che saltava di un pollice (2,5 centimetri) nel suo alloggiamento magnetico, le scariche bianche tremolanti si innalzavano dal solenoide fino a una lunghezza misurata di oltre 2 piedi (60 centimetri). Questa scarica eguagliava la lunghezza esatta della bobina stessa! Era una trasformazione inaspettata e sconosciuta….

Tesla osservò inoltre che i fili di rame che avevano fatto da disgregatore subivano una strana modificazione. Se venivano immessi in olio per raffreddarli, cominciavano a emanare una strana specie di gas in modo perpendicolare alla superficie del cavo. Era come se i cavi fossero una spugna che aveva immagazzinato gas e ora lo rilasciava. A detta di Tesla il fenomeno era piuttosto vistoso ed assolutamente inconfutabile.

 

L’apparato amplificatore ci permette di creare uno strumento di misurazione dell’effetto, utilizzando tensioni meno forti. Si tratterà di regolare il circuito in modo che la scintilla avvenga con la massima distanza. Qui abbiamo il circuito disgregatore in rosso, che corrisponde al primario di un trasformatore. In nero abbiamo il secondario che ha lo scopo di asportare velocemente l’energia eterica “spremuta” dal primario sovra-eccitato. Va ricordato che la tensione applicata al primario è di molto superiore a quella che si potrebbe applicare normalmente se si lavorasse in corrente continua.

Il circuito primario pur ricevendo una tensione che lo farebbe fondere se fosse corrente continua, resiste in quanto tra un impulso e l’altro ha tempo di raffreddarsi. Va da sé che la frequenza degli impulsi deve essere quella di risonanza del circuito, ma la durata dell’impulso deve essere piccolissima come già spiegato.

 

Le variabili del primario sono: lunghezza del solenoide del disgregatore, forma del disgregatore, concavità, distanza tra spire, tipo e durata d’innesco, il condensatore fisso.

Il condensatore vicino al generatore serve ad alimentare un po’ il condensatore principale durante la scarica. I solenoidi servono a creare delle impedenze per mitigare i ritorni.

Ci sono due modalità di lavoro:

Impulso singolo nel quale si carica il condensatore, si scollega, si chiude il circuito.

Impulso multiplo nel quale si invia un treno di impulsi. Il condensatore deve essere continuamente ricaricato. In questo caso ci sono due tipi di tempi

Tx durata del singolo impulso che deve essere brevissima, Tr tempo di ripetizione o frequenza d’impulso.

Prima di continuare riporto qui le considerazioni fatte da A. Lindemann autore di alcuni libri su Tesla.

Da ora in avanti, desidero riferirmi a questo fenomeno come “all’evento Elettro-Radiante” e riassumere le sue caratteristiche come di seguito:

• L’Evento Elettro-Radiante è prodotto quando una corrente continua ad alto voltaggio è scaricata attraverso uno spinterometro e interrotta improvvisamente prima che si possa verificare qualsiasi rovesciamento di corrente.

• Questo effetto è di gran lunga aumentato quando la sorgente di corrente continua è un condensatore carico.

• L’Evento Elettro-Radiante abbandona i cavi e altri componenti del circuito perpendicolarmente al flusso di corrente.

• L’Evento Elettro-Radiante produce un voltaggio spazialmente distribuito che può essere migliaia di volte più alto del voltaggio della scarica di scintille iniziale.

• Esso si propaga istantaneamente come un “raggio simile a luce”, longitudinale ed elettrostatico che si comporta in modo simile ad un gas incomprimibile sotto pressione.

• Gli effetti Elettro-Radianti sono caratterizzati esclusivamente dalla durata dell’impulso e dalla caduta di voltaggio nello spinterometro.

• Gli effetti Elettro-Radianti penetrano tutti i materiali e creano “risposte elettroniche” in metalli come rame e argento. In questo caso “risposte elettroniche” significa che una carica elettrica si creerà sulle superfici del rame esposte alle emissioni Elettro-Radianti.

• Gli impulsi Elettro-Radianti più brevi di 100 microsecondi sono completamente sicuri da usare e non provocheranno shock o danni.

• Gli impulsi Elettro-Radianti più brevi di 100 nanosecondi sono freddi e causano facilmente effetti luminosi nei globi in cui c’è il vuoto (vacuum globes).

“L’Evento Elettro-Radiante” è essenzialmente “il meccanismo di guadagno” che Tesla scoprì essere alla base della sua Trasmittente Moltiplicatrice. È il fondamento della sua dichiarazione, secondo cui egli era capace di creare più energia in uscita di quella che utilizzava in ingresso per avviare il processo.

   ________________________________________________________________________

Capitolo 4

Edwin Gray inventore di una macchina che produceva energia

Dalla fisica ricordiamo che l’elettricità si può produrre in molti modi:

– Per sfregamento. (Le prime macchine elettrostatiche sfruttavano questo metodo.)

– Per via chimica. (Pila di Volta)

– Per via magnetica (Dinamo alternatori)

– Per via termica. Se un estremo di un filo conduttore è scaldato e l’altro estremo è raffreddato, nel conduttore circola corrente.

– Per via fotoelettrica. (La luce stimola certi materiali ad emettere elettroni)

– Per induzione elettrica. (Si usano delle cariche per indurre la separazione di altre cariche in un corpo neutro… poco noto e poco usato)

–        …

In base al principio alchemico “tutto si assomiglia”; probabilmente l’energia eterica si può ottenere in altrettanti modi.

Su Internet si trovano descritti molti fenomeni di “free energy”; a volte sono ben documentati con filmati. In genere mancano di ripetibilità.

Mi spiego meglio, capita spesso che lo stesso individuo riesce a riprodurli; ma appena un altro individuo tenta di riprodurli per conto proprio autonomamente non ci sono risultati. Questo fatto dà la certezza che stiamo usando l’etere perché è solo esso che risente così tanto dell’aspetto psichico dello sperimentatore.

Negli esprimenti con l’etere, bisogna tener presente:

a) Lo stato mentale-emozionale dello sperimentatore, infatti coinvolge il suo eterico che si mescola agli altri eteri.

b) La carica eterica del posto dove opera, non tutti i luoghi sono uguali, alcuni sono ricchi di Yang (deserti caldi), altri di Yin ( ghiacciai) …

c) Gli oggetti che formano l’apparato hanno un loro etere, le lavorazioni e l’atteggiamento mentale con cui gli oggetti sono stati realizzati influiscono. L’alchimia prevedeva la purificazione di ogni singolo elemento. (Possono essere permalosi ? Ah Ah!)

Il tutto è complicato dal fatto che l’etere ha una gamma di frequenze vibratorie (“colori”) enorme, solo una piccola parte delle sue frequenze vibratorie (colori), si lasciano catturare con degli apparati meccanici. Ricordiamo che, secondo le teorie esoteriche delle varie scuole iniziatiche, il livello eterico, per sua natura, domina dal di dentro i piani successivi della materia; egli a sua volta è probabilmente dominato dai sottostanti piani.

Attualmente si può pensare a tre diversi tipi di modalità per produrre etere libero.

1°) Metodo Tesla originale, descritto sopra.

2°) Metodo a prevalenza di scintilla elaborato indipendentemente da Edwin Gray e dai coniugi Paulo ed Alessandra Correa

Il disegno di destra rappresenta l’apparato di Edwin Gray si può schematizzare così:

Triodo impulsatore di Edwin Gray

Il “Triodo impulsatore di Edwin Gray” apre e chiude il circuito in maniera molto rapida, viene usato un triodo. Entro ad una ampolla sotto vuoto (o in atmosfera di idrogeno?), una sbarretta di alluminio di opportuna resistenza, raffigurata in rosso, crea una scintilla con un altro elemento caricato negativamente.

Il condensatore in rosso è l’equivalente di quello usato da tesla. “2 microfarad” e “4000 V DC”.

Una (o due) superficie di alluminio o acciaio inox circonda la scintilla e raccoglie l’etere separato, l’etere raccolto viene mandato a terra attraverso un solenoide aereo, un condensatore e una pila.

Questo permette all’etere della terra di risalire e fondersi col nuovo etere appena prodotto, moltiplicandolo o semplicemente forse serve a richiamarlo in modo che sia invitato ad uscire dal triodo (idea personale).

Infine un circuito secondario preleva energia realizzando un trasformatore aria aria.

Edwin Gray diede ampie dimostrazioni pubbliche di grandi quantità di energia ricavabili. Venne bloccato dalla magistratura mentre stava realizzando un’auto che andava senza benzina.

Simile è il generatore dei coniugi Correa, in grado di produrre molta più energia di quanto serve per alimentarlo.

Esempio di scariche  inspiegabili da un  cilindro che sfrutta il sistema Grey 

3°) Metodo a prevalenza di campo magnetico. Sono da annoverare tra questi il motore John Bedini di Kohei Minato e il generatore di monopoli di Pier Luigi Ighina.

Il motore John Bedini consiste in una batteria al piombo che alimenta un piccolo motore a CC, il quale fa ruotare una specie di dinamo magnetica; questa fornisce energia ad un dispositivo elettronico che invia impulsi sincronizzati indietro verso i terminali della batteria per la ricarica

Il motore fa girare il volano e dei magneti permanenti, le bobine sono fisse, e generano corrente che opportunamente raddrizzata va ad alimentare la batteria di destra e quando sta per scaricarsi alimenta la batteria di sinistra.

Il 26 aprile 2000, il consulente e ricercatore sull’elettromagnetismo Thomas Bea-den, tenente colonnello a riposo, ha rilasciato un articolo, “‘Spiegazioni sulla Formazione di Resistenza Negativa nelle Batterie di John Bedini”, disponibile nel sito web di Sightings: www.sightings.com/generaUresistors.htm.

 È preceduto da una lettera datata 27 aprile di John Bedini a Jeff Rense, conduttore del programma radiofonico Sightings. Bedini spiega perché Bearden ha scritto l’articolo: “È perché ho aiutato una bambina di 10 anni a vincere ogni premio scientifico in Coeur d’Alene…tutti i primi posti più un premio speciale in scienza con uno dei miei motori.

“Il motore funzionò per quattro giorni, senza fermarsi, a 4.000 giri al minuto. Azionò anche un generatore che produsse energia per tutto il tempo.

“Gli insegnanti di scienza impazzirono a questa dimostrazione, e vollero sapere come funzionava.

Esso sta funzionando in base ai principi elettromagnetici che lo scienziato serbo Nikola Tesla scoprì prima del 1900 nei suoi esperimenti a Colorado Spring. Sta funzionando per il fatto che il vuoto – il “vuoto” puro e semplice, per intenderci è pieno di fiumi e oceani di energia in subbuglio, proprio come precisò Nikola Tesla.

Per attingere da questa tensione l’enorme energia che vi è racchiusa, tutto ciò che occorre fare è di romperla con precisione e catturare le oscillazioni del vuoto che ne risultano. Il modo migliore per farlo è di colpire qualcosa di risonante che è racchiuso nel vuoto, poi catturare la tensione risonante del ronzio del vuoto stesso. (?…Certo non è di facile comprensione! Nota personale)

In altre parole, possiamo far risuonare qualcosa alla sua frequenza di risonanza e, se questo qualcosa è racchiuso nel vuoto, possiamo spillare la risonanza nella tensione del vuoto, senza attingere l’energia direttamente dal sistema integrato che facciamo risuonare nell’oscillazione.

(Qui è un po’ più chiaro e ammette sostanzialmente che il vuoto sottoposto a vibrazione risponda con una sua modificazione, forse nel tentativo di riportare l’equilibrio, la risposta non può che essere sfasata nel tempo rispetto alla causa che l’ha determinata. Probabilmente è questo sfasamento temporale che viene sfruttato per catturare la risposta vibratoria del vuoto)

Per iniziare, avremo bisogno di un grosso accumulatore per portare un sacco di ioni caricati nel sistema in cui desideriamo innescare l’oscillazione. Abbiamo bisogno di qualcosa che abbia una grande capacità e che contenga anche parecchi ioni. Una normale batteria riempita con elettrolita si presta bene.

Anche se non è una cosa risaputa, di solito una normale batteria al piombo ha una frequenza di risonanza ionica tra 1 e 6 MHz.

Tutto ciò che dobbiamo fare è scuotere e fare oscillare gli ioni nell’elettrolita alla loro frequenza di risonanza e calcolare correttamente il nostro potenziale di “innesco” e la corrente di “travaso”. Se continuiamo poi ad aggiungere potenziale per attivare il sistema, possiamo prendere tutto quel “potenziale” per trasformarlo in “elettricità free-energy”.

Sembra semplice, ma in realtà la messa a punto di questo generatore è delicata, perché si basa su sulla risonanza delle pulsazioni della batteria, sulla risonanza del sistema rotante, su quella dell’energia eterica del posto, e dell’energia eterica dell’operatore. Comunque varianti di questo generatore sono stati realizzati con successo da distinti operatori.

Motore di Kohei Minato

Un motore elettrico che utilizza magneti permanenti per produrre energia é l’incredibile novità di un inventore sulla quale gli investitori stanno sbavando…

Quando ricevemmo per la prima volta una telefonata da una collega eccitata che aveva appena visto l’invenzione più incredibile,  un motore magnetico che quasi non consumava energia elettrica, fummo così scettici che declinammo l’invito per andare a vederlo. Pensammo che se la tecnologia era così buona come mai non c’erano ancora dei clienti?

Ci dimenticammo dell’invito e dell’azienda per diversi mesi fino a quando il nostro amico ci richiamò.

‘Va bene,” disse. “Hanno appena venduto 40.000 pezzi ad una delle maggiori catene di grandi magazzini. Verrete a vederlo ora?”

In Giappone nessuno paga per 40.000 ventilatori senza essere ragionevolmente sicuro che siano funzionanti. (Marzo 2004)

Il motore è formato da un cilindro su cui ci sono due forti calamite permanenti, due solenoidi vengono usati come elettromagneti che spingono con impulsi brevi ma sincronizzati i due magneti permanenti, l’angolo di spinta è critico. Questo motore non produce più energia di quanta ne consuma, ma ha un rendimento incredibile.

Questi due progetti sfruttano la cattura dell’etere mediante un solenoide, in comune hanno il fatto che ci deve essere una elevata rotazione e quindi si lavora con impulsi rapidissimi.

_______________________________________________________________________________

Capitolo 5

L’astrofisico russo prof. Nikolaj A. Kozyrev

Voglio qui ricordare la sensazionale prova scientifica che tutta la materia fisica è formata da un “etere” di energia invisibile e cosciente. Tale idea risale almeno agli anni ’50. Il rinomato astrofisico russo prof. Nikolaj A. Kozyrev (1908-1983) ha dimostrato senza ombra di dubbio che una simile sorgente di energia deve esistere; e il risultato di ciò fu che egli divenne una delle figure più controverse nella storia della comunità scientifica russa.

L’opera di Kozyrev sostiene, con grande rigore, che noi siamo in grado di visualizzare tutti gli oggetti fisici della materia dell’Universo come se essi fossero spugne immerse nell’acqua. In tutte queste analogie, dovremmo considerare le spugne come se fossero rimaste immerse nel liquido per tutto il tempo sufficiente affinché arrivassero ad essere sature. Tenendo presente questo, ci sono adesso due cose che possiamo fare con le spugne imbevute: possiamo decrementare il volume dell’acqua che esse contengono oppure incrementarlo, per mezzo di alcune procedure meccaniche molto semplici.

Vediamo ora come viene spiegata la procedura di prelevo dell’energia secondo questo autore.

1. decrementare: se una spugna imbevuta viene strizzata, raffreddata o ruotata, parte dell’acqua che essa contiene verrà rilasciata nelle vicinanze, diminuendo la sua massa. lasciando riposare la spugna subito dopo, la pressione dei milioni di piccoli pori viene alleggerita, portandola a poter nuovamente assorbire altra acqua e ad espandersi nuovamente entro la sua normale massa a riposo.

2. incrementare: possiamo anche pompare più acqua nella spugna in posizione di riposo, scaldandola (facendola vibrare), portando così i pori ad espandersi più della loro normale capacità ricettiva. In questo caso, dopo aver rilevato la pressione aggiunta, la spugna rilascerà naturalmente l’acqua in eccesso e si ritrarrà di nuovo alla sua massa a riposo.

Anche se potrebbe apparire impossibile alla maggior parte delle persone, Kozyrev ha dimostrato che scuotendo, facendo girare, riscaldando, raffreddando, facendo vibrare o rompendo oggetti fisici, il loro peso può essere incrementato o decrementato di piccole ma significative unità. E questo è solo uno degli aspetti del suo eccezionale lavoro.

Se torniamo alla precedente analogia, possiamo affermare che la materia si comporta come una spugna immersa nell’acqua. Se facciamo qualcosa che disturba la struttura della spugna, come strizzarla, ruotarla o scuoterla, essa rilascerà parte dell’acqua raccolta nell’ambiente circostante, inoltre se prima l’avevamo soprasatura di acqua, la quantità che ne uscirà sarà maggiore. Infine se si fa ruotare l’oggetto l’effetto sarà maggiore, perché la rotazione crea un “ibrido temporale” cioè i ponti di un disco in rotazione “stazionano” in tempi differenti a seconda della loro velocità. http://digilander.libero.it/kems/

Negli anni, tutti i seguenti processi sono stati scoperti allo scopo di creare in laboratorio un “flusso di tempo” di onde torsionali, dovute allo scompiglio da esse creato nei confronti della materia in queste forme:

* la deformazione di un oggetto fisico;
* l’incontro di un ostacolo da parte di un getto d’aria;
* il riempimento con sabbia di una clessidra;
* l’assorbimento di luce;
* l’attrito;
* la combustione;
* l’azione di un osservatore, come il movimento della testa;
* il riscaldamento o raffreddamento di un oggetto;
* transizioni di fase nelle sostanze (da ghiacciato a liquido, da liquido a vapore ecc.);
* scioglimento e mescolamento di sostanze;
* la morte delle piante per appassimento;
* radiazioni non-luminose da oggetti astronomici;
* improvvisi cambiamenti di coscienza nell’individui

A parte la problematica ultima voce riguardante la coscienza umana, possiamo vedere facilmente come ogni processo “disturbi” in qualche modo la materia, provocando così il rilascio o l’assorbimento di una certa quantità della sua “acqua eterica”, la qual cosa si adatta perfettamente alla nostra analogia della spugna. Ancor più importante è il fatto che una forte energia emozionale potrebbe causare una reazione a distanza misurabile, cosa che è stata ripetutamente provata non solo da Kozyrev ma anche da molti altri; tutto ciò porta sotto i riflettori i nostri concetti di fenomeni fisici e di consapevolezza. Tali concetti hanno fatto ancor più notizia dopo l’attacco terroristico agli Stati Uniti dell’11 settembre 2001, nel momento in cui Dean Radin e il suo team dell’Institute of Noetic Sciences sono stati in grado di misurare un tremendo mutamento nel comportamento di un certo numero di generatori computerizzati nei periodi immediatamente precedente e successivo rispetto all’attacco:

Figura 1.4. Dati forniti da Radin / INS che misurano un mutamento nella coscienza di massa l’11 settembre 2001
Ritornando alla più confortevole area della materia fisica, il lavoro di Kozyrev ha dimostrato che l’etere, che lui chiama i “campi torsionali”, può essere assorbito, schermato e qualche volta riflesso. Per esempio, lo zucchero può assorbire, una pellicola di polietilene può schermare, e altre forme di alluminio o specchi possono riflettere. Kozyrev scoprì che in presenza di simili flussi di energia, oggetti rigidi e non-elastici potevano manifestare cambiamento di peso, mentre oggetti flessibili ed elastici potevano mostrare cambi nella loro elasticità/viscosità. Kozyrev mostrò anche che il peso di una trottola cambiava in caso di vibrazioni, riscaldamento, raffreddamento o di corrente elettrica fatta passare attraverso di essa. Come possiamo osservare, tutti i precedenti comportamenti si adattano perfettamente alla nostra analogia della materia come spugna che rilascia o assorbe piccoli quantitativi di “acqua energetica”.

Uno dei più importanti rilevatori di energia “time-flow” usati da Kozyrev è la “bilancia di torsione”, ossia un giogo di bilancia in grado di ruotare liberamente se sospeso ad un filo. Come descritto nella prima pubblicazione di Kozyrev dell’anno 1971, la bilancia di torsione non possiede eguale bilanciamento in entrambi i lati, infatti un’estremità del giogo pesa 10 grammi e l’altra solo uno. Kozyrev sospese questo giogo ad un filo di capron di 50 micrometri di diametro e 5-10 cm di lunghezza. La corda era attaccata molto più vicino all’estremità più pesante del filo che a quella più leggera, in maniera tale da consentire al giogo di rimanere in una perfetta posizione orizzontale nonostante la gravità. Questo posizionamento creava anche una maggiore tensione al giogo, permettendogli di muoversi liberamente. L’estremità più leggera del giogo era collegata ad un indice, cosicché Kozyrev poteva misurare su un goniometro di quanti gradi il giogo si sarebbe mosso volta per volta.

Per evitare di essere influenzato dall’atmosfera, l’intero sistema era avvolto in una calotta di vetro cui tutta l’aria era stata eliminata per creare un vacuum. Ancora, Kozyrev circondò la calotta con una rete di metallo (simile alla gabbia di Faraday) allo scopo di eliminare tutte le interferenze elettromagnetiche.

E, quel che più conta, la sommità del filamento, cui la bilancia era appesa, era fatta vibrare meccanicamente da una fonte elettromagnetica.

“bilancia di torsione”

L’esperimento non era ritenuto valido qualora il giogo non fosse rimasto perfettamente immobile anche in presenza di extra-vibrazioni alla sommità del filo. Comunque, queste extra-vibrazioni che scuotevano a tratti la sommità del filo causavano una aumentata sensibilità alle vibrazioni esterne che si sarebbe riverberata nell’intero oggetto. Siamo allora in presenza di un disuguale set di pesi accuratamente sospesi ad un sottile filo in modo da rimanere orizzontali, che crea un sistema in grado di grande tensione, pronto a muoversi al minimo tocco. E’ qualcosa di simile alla potenza sprigionata da una leva che permette ad un uomo di sollevare la propria automobile con il semplice movimento del cric. Perciò, se a questo si aggiunge anche la tensione delle vibrazioni che si irradiano su e giù per il filo e nella bilancia stessa, si ottengono tutti gli ingredienti necessari a rendere il rilevatore estremamente sensibile alla pressione dal tocco leggero delle onde di torsione, tanto da poterne poi misurare l’effetto. Questo è uno dei modi più ingegnosi per catturare e rilevare queste forze. (Come altro esempio, si poteva mettere in moto un giroscopio in moto e quindi appeso ad una corda fatta vibrare).

Sotto alcuni aspetti questa extra-sensibilità si comporta nello stesso modo di un tavolo da hockey ad aria, in cui una superficie piatta e rettangolare viene bucherellata con diversi fori che fanno passare l’aria verso sopra. La partita viene giocata con un disco leggero e piatto che è colpito avanti e indietro da due giocatori. Se l’aria scorre attraverso il tavolo (come l’asimmetria della bilancia e le extra-vibrazioni sul filo negli esperimenti di Kozyrev), in tal caso la gravità del disco è neutralizzata da una forza superiore, che crea un equilibrio più delicato fra le due (forze). Il disco può rimanere perfettamente immobile una volta lasciato solo ma, se si introduce nel sistema nuova energia colpendo il disco quando l’aria è in movimento, allora il disco si sposterà molto velocemente e con il minimo sforzo. Se invece l’aria non circola, il disco si muove molto più lentamente e richiede molta più forza per essere messo in azione.

Accade nello stesso modo con i rilevatori di Kozyrev. Se non si include l’energia extra-vibrazionale, ci vorrà molta fortuna per poter osservare una reazione, in quanto la “spinta” delle onde di torsione non è sufficiente a muovere un oggetto stazionario. Molti scienziati che hanno tentato di ripetere gli esperimenti di Kozyrev spesso non vi sono riusciti, e ciò perché essi non consideravano importanti le extra-vibrazioni. Certamente non è possibile rilevare le onde di torsione con un pendolo se questo non è asimmetrico e/o se non si introducono vibrazioni alla sommità del filo. Un altro modo per visualizzare questo effetto può essere considerata la nostra analogia esposta nel prologo, nella quale la differenza fra una goccia d’acqua allocata in un metallo freddo viene opposta a quella goccia allocata in una padella calda. Le vibrazioni del metallo della padella faranno schizzare l’acqua attorno al tegame, divenendo parecchio sensibili ai più lievi cambi di pressione da ogni direzione.

Per i lettori più inclini alla spiritualità, è interessante notare che le dottrine degli Iniziati hanno sempre fatto riferimento al bisogno di “aumentare le proprie vibrazioni” per migliaia di anni se si vuole divenire capaci di percepire l’invisibile energia dell’universo. Come abbiamo dimostrato in alcuni dei nostri laboratori, in un arco di tempo relativamente breve un umano può essere portato a rispondere alla lieve pressione delle onde di torsione nella propria ”aura” attraverso il tocco. Con i più profondi addestramenti, come quelli descritti nelle opere di Rudolph Steiner o Carlos Castaneda, il campo energetico umano può essere alla fine visualizzato.

 

fonte: stazioneceleste.it, divinecosmos.com

Possibile applicazione della “teoria radiante” partita da Tesla sulla fusione fredda.

L’E-Cat di Rossi è avvolto dal mistero. Tutti si aspettano un catalizzatore, ma forse non esiste.

Dopo le ultime indiscrezioni emerse dalla Defkalion, si potrebbe fare la seguente ipotesi:

La cella del tipo E-Cat è composta da

1° un cilindro in acciaio inox riempito di polvere di nichel di granulometria intorno al micron, con forse mescolata anche della nanopolvere.

2° una barretta di tungsteno è posta al centro del cilindro sostenuta da due supporti ad alto isolamento elettrico, per esempio della ceramica.

3° il cilindro di acciaio è avvolto all’esterno da un riscaldatore, costituito da una resistenza elettrica, in grado di portare la temperatura ad almeno 500°C

4° dentro al cilindro oltre al nichel c’è l’idrogeno a pressione di 5 atmosfere (dati Defkalion, quello di Rossi arriva anche a 200 atmosfere, forse).

Procedura in fasi.

a) Fase iniziale si porta a 500°C la polvere di nichel sotto vuoto per eliminare impurità, (usando il riscaldatore esterno) vapore d’acqua…

b) Si introduce idrogeno a 5 atmosfere, poi mediante impulsi elettrici ad alta intensità inviati all’estremità della barretta di tungsteno lo si rende incandescente, in modo che a 3000°C l’H2 venga scisso in H

c) A questo punto dovrebbe cominciare ad esserci la produzione di calore. Si spegne il riscaldatore esterno e si mandano impulsi rapidi ma intensi (questa volta non ad alta tensione ma a massima corrente impulsata) vedi teoria del disgregatore..

d) La temperatura viene stabilizzata e controllata regolando il numero di impulsi a massima corrente inviati al tungsteno

Forse potrebbe esserci anche una tensione continua tra la barretta di nichel e il cilindro. Barretta di tungsteno positiva e superficie cilindrica negativa. In tal modo la polvere di nichel risulterebbe percorsa da corrente.

Considerazioni

–                  La polvere di nichel MOLTO probabilmente è mescolata a polvere di ferro o altro allo scopo di evitare la sinterizzazione. Può essere anche che venga aggiunta qualche polvere tipo rame, zinco in quanto aumenta il rendimento. La polvere introdotta potrebbe essere anche di granulometria opportuna, e potrebbero esserci elementi che facilitano la disgregazione dell’H2 in H a temperature inferiori ai 3000° del tungsteno.

–                  Il funzionamento dell’apparato che va contro tutte le conoscenze attuali potrebbe trovare la sua spiegazione proprio “nell’evento Elettro-Radiante”. Il tungsteno sarebbe l’apparato DISGREGATORE (primario) descritto da Tesla, mentre la polvere sarebbe l’apparato “assorbitore” per dirla alla Tesla (secondario).

Ho un dubbio:  le barretta di tungsteno forse è affiancata da una comune candela da auto che anche per mezzo della scintilla che crea la separazione dell’ H2 in H.

In alternativa ci potrebbe essere una piccola zona della barretta di Tungsteno con diametro opportunamente ridotto. In tal caso quando la barretta è sottoposta a iper-corrente a impulsi, quella

zona diventa incandescente a 3000° e questo, come sappiamo, è sufficiente a trasformare l’H2 in H.

–                 Infine è probabile che tra la barra di tungsteno e il cilindrico metallico esterno venga fatta transitare una corrente elettrica, in modo che la polvere di nichel sia attraversata da corrente.

–                  In effetti Celani e molti altri Vettore del forum compreso hanno notato che il fenomeno dell’adsorbimento dell’idrogeno in un metallo tipo, nichel, ferro o altro, viene facilitato se è attraversato da corrente.

Io ho provato, a ripetere l’esperimento descritto da Vettore nel forum. Lo descrivo brevemente Vettore riscaldava il nichel con un filo di ferro avvolto a spirale, che era immerso in atmosfera di idrogeno 1 bar. Il riscaldamento veniva pilotato da un controllo pulsato in continua, in modo da avere una data corrente, con il fine ultimo di avere una prefissata temperatura costante nel nichel.

Vettore si è accorto che il filo di ferro (mi sembra da 1 mm) abbisognava di sempre maggiore tensione per avere la stessa corrente. In più, forse per un caso, il circuito del solenoide del ferro finiva con entrare in una sorta di “risonanza” con la frequenza impulsiva. Vettore parla di un fischio che si sentiva distintamente a orecchio. Ad un certo punto improvvisamente il filo di ferro è passato dal rosso al bianco emanando un grande bagliore per alcuni istanti. Tanto che si è spaventato. Si è fuso tutto, il ferro ha perfino gocciolato!

Ho provato a far attraversare il filo di ferro comune, da corrente in atmosfera di idrogeno, ed in effetti la resistenza del filo cambia progressivamente. Il fenomeno del cambiamento della resistenza è noto nella fisica classica, anzi viene sfruttato per misurare l’adsorbimento dell’idrogeno nel metallo. Quello che esula dalle conoscenze attuali è la risonanza e l’incredibile bagliore.

Così, a naso, penso che il reattore E-Cat dell’ing. A. Rossi & del prof. Focardi, funzioni con la struttura 4° cioè senza scintilla interna ma solo calore a 3000° per la rottura dell’H2.

Quello della Defckalion invece è uno sviluppo successivo loro, e contiene anche una candela tipo automobile che crea una scintilla per dissociare l’H2. Poi però ci sarà anche la barretta di metallo che dato che non deve raggiungere  i 3000° potrebbe non necessariamente essere di tungsteno.

Di sicuro però dovrà essere sovra-eccitato impulsivamente come detto nella teoria.

Capitolo 6

Tre possibili livelli di fisica

L’universo potrebbe essere paragonato ad un gigantesco programma di un computer.

Ci potrebbero essere 3 differenti livelli di programmazione.

  • Livello originale che immagino corrisponda al linguaggio macchina. Livello dello Spirito
  • Livello derivato delle emozioni e desideri che immagino corrisponda ad un linguaggio più sofisticato tipo il vecchio Assembler. Livello eterico.
  • Livello della materia densa che corrisponderebbe alla programmazione ad oggetti tipo Visual Basic. Livello materiale o della fisica classica.

Attraverso i nostri sensi noi attualmente saremmo coscienti solo del piano fisico, è come se guardassimo lo schermo di un computer e pensassimo che le immagini che vediamo fossero l’unica realtà. L’uomo medio nulla saprebbe dei linguaggi di programmazione che creano le immagini.

 

        Le particelle del secondo livello. Livello eterico

Ora noi attraverso alle conoscenze derivate dalla fisica avremmo l’illusione di conoscere molto bene il piano fisico,  pensiamo di conoscere le leggi.

Può darsi però che questa sia  solo una parte della realtà cioè questa conoscenza è solo quella del terzo livello quello del Visual Basik , mancherebbe all’appello il secondo livello, cioè il piano eterico (del linguaggio  Assembler) e manca anche la conoscenza del il primo livello dello Spirito (linguaggio macchina).

La più piccola particella attualmente considerata dalla fisica è il quark o forse il fantomatico neutrino. Ebbene supponiamo che i quark siano a loro volta formati da una sub particella che chiameremo orgone,  proveniente dal piano eterico. Questa particella sarebbe la più grossa particella del piano eterico, ma la più piccola particella del piano fisico. Ipotiziamo che essa possa essere più piccola del quark di un fattore 1000 a 100000

La differenza fondamentale tra l’orgone e le particelle del piano fisico, sta nel fatto che mentre le particelle fisiche possono essere gestite solo con artifici meccanici e non con il pensiero,  l’orgone si gestisce  sia con il pensiero con la volontà con le emozioni che con strumenti meccanici.

Pier Luigi Ighina L’uomo che vedeva gli atomi

atomomagnetico.jpg

Ighina ha presentato questa foto, fatta con un particolare microscopio di sua invenzione.

Nella foto i 5 raggi bianchi sono descritti come 5 piccoli fiumiciattoli creati allo scopo di assorbire l’energia in eccesso che “l’atomo magnetico” acquisisce quando riceve luce. Ighina infatti sostiene che appena l’atomo è raggiunto dalla luce o da qualsiasi altra forma di energia, si mette in movimento e sfugge all’osservazione. Ighina sostiene che la scienza ufficiale non coglie veramente la realtà dell’atomo materiale, ma solo vede solo il frutto delle collisioni da essa stessa create.

Ora questi 5 fiumiciattoli di energia non appartengono veramente all’atomo magnetico quindi possiamo ignorali.

Ighina osservò che c’erano  due tipi fondamentali di orgoni (lui li chiamava atomi magnetici elementari):

 

ORGONE YANG  in cui dal nucleo centrale si generava un alone energetico che si allargava verso l’esterno, l’energia trasportata finiva col depositarsi sul guscio esterno che tendeva ad ispessirsi. A questo punto dal centro partiva un altro alone che faceva la stessa strada. Se il guscio s’ispessiva molto, arrivava un momento in cui l’atomo si scindeva in due, generando due atomi dello stesso tipo, in una sorta di mitosi.

Data la piccolezza questi orgoni sono in grado di penetrare a frotte all’interno di tutte particelle elementari. Ighina ossevò che quando questo tipo di orgone Yang agiva sulla materia, dava un tocco  espansivo, centrifugo, calorico, irrequieto, dinamico…In agopuntura questa è chiamata energia Yang , per questo ho coniato il nome di orgone Yang. Ighina attribuiva il colore GIALLO a questa situazione.

Una buona immagine figurativa è quella di pensare che l’orgone abbia una sorta di respiro, se nel respiro prevale l’espirazione sull’inspirazione l’orgone ha caratteristiche Yang

orgoneyang

ORGONE YIN  in cui l’alone energetico si generava sul guscio esterno e si restringeva via via finendo col depositarsi sul nucleo centrale, quindi c’era un trasferimento di energia dall’esterno verso l’interno. Quando questo atomo agiva sulla materia dava un tocco centripeto, con tendenza alla concentrazione, al restringimento, a sottrarre energia, a raffreddare. In agopuntura questa è chiamata energia Yin , per questo ho coniato il nome di orgone Yin. Ighina attribuiva il colore AZZURRO a questa situazione. Una buona immagine figurativa è quella di pensare che l’orgone abbia una sorta di respiro, se nel respiro prevale l’inspirazione sull’espirazione l’orgone ha caratteristiche Yin.

orgoneying

Esiste poi teoricamente un aspetto intermedio che nasce dalla fusione dei due Yang e Yin

ORGONE neutro (simile alle cellule staminali che nascono originariamente dall’incontro spermatozoo ovulo) corrisponde all’energia primitiva, indifferenziata e creativa; essa tende ad assumere una delle due polarità. Il “respiro” di questo orgone è bilanciato e l’inspirazione coincide con la espirazione. Colore giallo+ azzurro=VERDE fusione dei due. Ighina sostiene che è il promotore della vita.

orgoneneutro.jpg

 

Secondo Ighina   la particella atomica più piccola non è il Quark ma l’orgone (Ighina lo chiama atomo magnetico), qualsiasi particella elementare della materia grossolana del piano fisico, è originata da una specie di piccola galassia formata dall’incontro di molti orgoni Yang con orgoni Yin.

Ogni atomo, ogni molecola, ogni corpo del piano fisico avrà una caratteristica Yang se prevalgono al suo interno gli orgoni Yang, viceversa avrà caratteristiche Yin se prevalgono al suo interno gli orgoni Yin.

yingyang

Esiste poi  un continuo interscambio di particelle Yang e Yin con l’esterno del corpuscolo.

Potremo dire che anche il corpuscolo di materia nel piano grossolano atomico respira con un suo ritmo, riproducendo in grande ciò che fa l’orgone in piccolo.

 

Il punto cruciale però sta nel fatto che in tutta la materia di questo universo, il respiro non sembra essere perfettamente bilanciato. Ighina sostiene che lo Yang in ingresso è quantitativamente maggiore dello Yin che esce. Questo comporta come conseguenza, un continuo lentissimo aumento della massa del corpuscolo di materia, un secondo effetto sarebbe che la spugna tenderebbe più a succhiare che a emettere, questo formerebbe nello spazio una specie di gorgo in risucchio che attira altri gorghi, questo potrebbe essere l’origine dell’attrazione gravitazionale e dell’attrito con lo spazio cioè l’inerzia.

Avremmo in un colpo solo la spiegazione dell’espansione della materia dell’universo, della forza di gravità e della forza d’inerzia. Questo corrisponderebbe anche a quanto descritto da Ighina sull’atomo “visto” con i suoi strani strumenti.

Se questo fosse vero basterebbe compensare la carenza di Yin iniettandolo in un corpuscolo di materia per annullare il peso o addirittura produrre l’antigravità.

flusso

Probabilmente si tratta di un equilibrio dinamico, cioè esistono   orgoni Yang che escono e orgoni Yin che entrano. E’ la differenza dinamica tra flusso entrante e flusso uscente che risulta squilibrata nel senso di un eccesso di Yang. Lo Yang in eccesso prigioniero all’interno si trasforma in Yin. Quindi la materia è fondamentalmente Yin, la luce è Yang

CONSIGLIO PER IL LETTORE

Per il lettore neofita tutto il discorso ha il sapore di fantasticheria, ora io consiglio di guardare un filmato su Yo Tube dal nome John Ciang. Si vede un agopuntore potentissimo, in grado di accumulare e controllare grandi  quantità di Yang e Yin, con lo Yang concentrato da fuoco a un giornale, con lo Yin concentrato ferma una pallottola con la mano… Consiglio vivamente la visione, e magari la lettura dei libri connessi dal titolo “Il mago di Giava”.  La visione del filmato dà la così detta  “massa mentale” e rende il tutto un po’ meno evanescente.

Comunicato di Ighina, fatto pubblicare su di un giornale.(Non conosco la data )

Risolto l’enigma della gravità. Un esperimento eseguito a Imola

Finalmente, dopo anni di studio dedicati alla ricerca di una spiegazione, soddisfacente sulla «colla» gravitazionale, che tiene noi legati alla Terra, la Terra al Sole e cosi via, la scienza è giunta ad un punto fermo:

la forza di gravità dipende da uno stato di squilibrio tra energia solare discendente sul nostro pianeta ed energia terrestre riflessa verso il Sole.

La scoperta dei famosi ««gravitoni», già previsti, tra l’altro, da Einstein nella sua teoria della relatività generale, è stata resa possibile grazie al creativo impegno ed alla sofisticata attrezza­tura utilizzati nei laboratori del Centro Internazionale Studi Magnetici di Imola.

Il direttore del C.I.S.M., insieme a 24 collaboratori provenienti dai più autorevoli istituti di fisica sperimentale europei, ha reso pubblica la notizia appena qualche giorno fa, anche se fonti ufficiose davano per certo il fatto che nei laboratori imolesi fosse stata neutralizzata la forza di gravità – a riprova della perfetta comprensione sui meccanismi che la regolano – addirittura nelle prime ore della mattina del 7 ottobre scorso, inviando nell’atmosfera un oggetto di forma cubica del peso di 100 Kg.

Dettagli più precisi forniti dai collaboratori che hanno contribuito all’esperimento hanno chiarito che l’oggetto – un cubo a doppia intercapedine completamente di alluminio e contenen­te all’interno una miscela di vasellina paraffinata e polvere di alluminio – ha superato la stratosfera, stabilizzandosi infine ad una quota di 250 Km. di altezza.

Il sollevamento del pesante cubo, nel cui rivestimento ad intercapedine è stata depositata abbondante polvere di alluminio (come del resto è stato fatto per l’interno) è avvenuto variando la forza di gravità dell’oggetto stesso.

Durante la conferenza stampa tenuta dal direttore del C.I.S.M. si è appreso che la scoperta dei «gravitoni» si deve idealmente agli studi iniziati 50 anni fa da Guglielmo Marconi.

Lo scienziato di Pontecchio infatti, riuscì a determinare ed analizzare il ritmo Sole-Terra, formato dall’unione dell’energia solare con quella della Terra.

Partendo da questa formidabile conoscenza i ricercatori del C.I.S.M. hanno stabilito, tramite sofisticate misurazioni a risonanza magnetica, che la «colla» gravitazionale su tutto il nostro globo è da attribuirsi unicamente ad un punto di squilibrio tra le due energie sopramenzionate: poiché l’energia solare discendente è quantlsticamente più potente della terrestre (la quale, al contrario, ascende verso il Sole) si ha che tutto ciò che è presente sulla Terra subisce una forza ponderale indirizzata verso il nostro pianeta.

Modificando il rapporto tra energia solare e terrestre in favore di questa ultima, ecco che si ottiene la neutralizzazione della «pressione» esercitata dal Sole, con il conseguente librarsi di qualsiasi cosa in verticale.

La variazione dello squilibrio tra le due energie è stata realizzata mediante il pulsatore magnetico rotante di massima intensità voltaica.

In pratica, grazie ai monopoli magnetici positivi e negativi, prodotti dal pulsatore in questione, si è aumentata nelle immediate vicinanze del cubo la quantità di carica dell’energia negativa.

Per quanto riguarda i monopoli, è stato detto dal direttore del C.I.S.M. che “in altri termini essi si possono pensare come ammassamenti di energia solare – monopoli positivi – e di energia terrestre – monopoli negativi -“.

Agendo sulla quantità di energia negativa, dopo 25 giorni di continua emissione, 24 ore su 24, attraverso 4 apparecchi, producenti tutti monopoli negativi (apparecchi delle dimensioni di 25 x 25 cm.), il livello di negatività energetica ha superato quello solare assorbito dal cubo e si è verificato un docile sollevamento dell’oggetto.

I produttori dei monopoli erano stati disposti secondo una configurazione geometrica, uno per ogni lato verticale del cubo, mentre il cubo era poggiato su di uno speciale cuscino di alluminio.

Quando la levitazione è iniziata i tecnici dei laboratori hanno fermato la emissione di monopoli negativi ed il cubo ha subito come un dondolio, quasi un enorme e potente magnete l’attraesse.

L’oggetto, ormai privo di attrazione terrestre ha continuato questo suo incedere barcollante per muoversi poi con movimenti a spin semintero (mezzo giro a destra, mezzo a sinistra), a guisa di un avvitamento verticale.

I ricercatori hanno quindi rilevato là traiettoria dell’involucro spedito nello spazio, che dopo mezz’ora circa è sparito dalla visuale ottica, rendendosi cosi necessario il tracciamento via radio, grazie ad una piccola trasmittente installata all’interno del cubo.

La progettazione e la massa in opera dello speciale cubo, nonché dei pulsatori magnetici rotanti di massima intensità voltaica sono state fatte interamente nei laboratori imolesi del C.I.S.M. N.B: Manca tutta la documentazione sull’episodio. Non so chi fu testimone. Sarebbe bastato un filmato e testimoni per balzare alle cronache. Il comunicato di Ighina non venne preso sul serio, anche perché egli era stranamente  avvezzo a  fare dichiarazioni altisonanti e inattendibili.

Formazione della la materia secondo Ighina

 

Prima di incominciare le sperimentazioni, conviene visionare tutto quello che vien detto in proposito da Ighina.

Dal libro Pier Luigi Ighina Profeta sconosciuto (chiedere ad Alberto, Fermo Posta centrale, C.I. Aj 8149237 48018 FAENZA, unendo affrancatura per eventuale risposta)

Ighina è un personaggio enigmatico, sicuramente dotato di innate doti che gli permettevano di percepire oltre i sensi umani.

Ighina è autore di un  libro dal titolo “L’atomo magnetico”, nel quale descrive una nuova visione della materia. La sua vita è costellata di dichiarazioni altisonanti e assurde, per cui la sua affidabilità nel campo scientifico risultava azzerata.

La sua teoria è la seguente:

In questo sistema solare, tutta l’energia nasce dal sole. L’energia solare s’irradia muovendosi in modo spiraliforme. La Terra  non riesce a riemettere totalmente tale energia, una parte va a finire nel centro del nucleo dove produce il calore che alimenta il nucleo.(Secondo Ighina) La parte di energia riemessa dalla Terra quando attraversa  la superficie del suolo, si mescola con l’energia che proviene dal Sole.

ritmo

L’equilibrio tra le due energie crea la vita, l’equilibrio viene agevolato dall’acqua. Non solo la Terra ma ogni atomo di materia ha la stessa sorte.

Ighina asserisce che c’è sempre uno squilibrio tra l’energia solare Yang che entra nella materia e l’energia terrestre Yin riemessa. C’è sempre una prevalenza dell’energia solare Yang. Ecco le regole date da Ighina.

 

  • Ogni oggetto materiale va immaginato come una spugna. In questa spugna ci sono particelle piccolissime che entrano con movimento a spirale, possiamo immaginarle con la forma di un piccolo tornado rovesciato (orgoni Yang). Esiste altresi un flusso di particelle che escono (orgoni Yin). Ighina sostiene che non c’è un perfetto equilibrio tra l’ingresso e l’uscita, questo genera una specie di gorgo residuo che cerca di attirare a se la parte di energia E’ per questo che tutti i corpi cercano di attirarsi. Questa è la forza di gravità e di inerzia.   Tutta la materia solida provvista di gravità e inerzia, va in cerca di attrarre  Yin per trovare l’equilibrio.

YANGENTRANTE

MATERIAYIN

  • Se un corpo materiale riceve “energia eterica tipo Yang o Yin”, e se questa entra nella sostanza e non riesce ad uscirne,  perché costretta a riflettersi su se stessa a causa dalle condizioni che l’avvolgono, si trasforma in una particella di quella stessa sostanza, si crea nuova materia. Ne conseguirebbe  che siccome nella massa entra più Yang di quanto Yin esce, Lo yang in eccesso rimane prigioniero e si trasforma in Yin, tutti i corpi che possiedono gravità crescono nel tempo. La cosa non si nota perché il fenomeno è lentissimo in quanto occorre moltissima energia per creare materia.
  • Quando “un’energia eterica”(formata dagli orgoni in movimento) attraversa una sostanza, e viene riemessa all’esterno, ne assume l’impronta vibrazionale. (Imprinting); l’imprinting può essere dato anche dal colore del corpo che lo emette, della forma, di eventuali simboli disegnati sopra l’oggetto; questi disegni rappresentano il significato  emotivo che il costruttore ha voluto dare alla sostanza.  A scanso di equivoci vorrei precisare che nella fisica classica abbiamo questo concetto: se da un oggetto facciamo uscire energia, (esempio lampadina che emette luce) se poi ripetiamo l’esperimento ma sull’oggetto emettitore abbiamo disegnato un simbolo, (lampadina con sopra un disegno) l’energia che esce non ha alcuna differenza. Ebbene in questa nuova  “fisica” l’energia eterica che esce nel secondo caso è leggermente diversa dalla prima. Non riveliamo il fenomeno perché con la fisica classica non siamo in grado di accorgersi delle “energie sottili eteriche”.

 

  • L’energia eterica Yin o Yang, uscendo da una sostanza da cui ha ricevuto l’imprinting, entra in una nuova materia se quest’ultima riesce a trattenerla, essa vi si materializza o nella forma della sostanza precedente o in una nuova forma intermedia tra le due.

Per esempio se un’energia eterica esce da una pera ed entra in una mela e li si ferma, la mela tenderà a trasformarsi in una pera o in una sostanza intermedia tra pera e mela.

 

  • Come già detto, ogni orgone ha una sua polarità prevalente, che abbiamo chiamato Yang o Yin; aggiungiamo che quando  l’orgone si muove, perde l’aspetto corpuscolare e assume un aspetto ondulatorio. Anche l’onda mantiene  il carattere di “l’energia eterica Yin o Yang “, ora se questa onda viene riflessa dal  campo magnetico verso l’esterno, inverte la sua polarità;  cioè se entra come energia Yang viene riflessa come energia Yin e viceversa. Per esempio la Terra riceve l’energia Yang del Sole e la riemette come energia Yin. (non è chiaro se si tratta di un campo magnetico puro o di quello di relativo ad una sostanza qualsiasi.

 

  • Ogni particella sia in forma di energia, sia in forma di materia, vibra di una sua particolare frequenza. Quindi esiste una particolare frequenza che è come un marchio di fabbrica, e caratterizza la sostanza. Se poi abbiamo un miscuglio di sostanze, si hanno tante frequenze quante le sostanze. Molto interessante dal punto di vista pratico è far notare che esiste anche una frequenza complessiva, data dalla somma delle frequenze presenti.

 

  • Se all’interno di una sostanza si incontrano le due energie contrapposte Yin e Yang, dallo scontro tende a nascere la vita. Classico esempio ne è la superficie della Terra, qui si incontrano lo Yang proveniente dal Sole e lo Yin proveniente dalla Terra; il giallo dello Yang  solare e il blu dello Yin terreste si fondono nel verde della vegetazione.

 

  • Ci sono sostanze che tendono ad accumulare alle loro estremità da una parte l’energia solare Yang e dall’altra l’energia terrestre Yin , queste sostanze vengono chiamate calamite.

 

Secondo questa visione, il polo sud di una calamita è una concentrazione di energia solare Yang.

YANG

Il Sole nella sua emissione di energia eterica ha un ritmo, i rabdomanti assegnano un valore 12 a tale ritmo. La Terra ha pure il suo ritmo valutato 8 ( Tesla nella sua torre entrava in risonanza con il respiro della Terra con un valore compreso tra 7 e 8 pulsazioni al secondo)

Per capire a cosa si riferiva Ighina parlando del ritmo, va aggiunto che egli parlava di una condizione “tensiva”; diceva che tra il Sole e la Terra c’è una specie di tensione che veniva variata.

 

 

Apro una parentesi per ricordare alcuni nomi della fisica classica.

Alcune nozioni sulle onde

Ritengo opportuno ricordare alcune nozioni sulle onde, e la loro trasmissione.

Consideriamo un filo, una estremità la tiene in mano un uomo, l’altra estremità è nella mano di una donna. Uno può comunicare con l’altro in vari modi:

 

1) Onda con trasporto di materia, onda di vento.

Supponiamo di spingere dei carelli in una rotaia e che l’invio avvenga con tempi costanti, il tempo tra un lancio e il successivo si chiama “Periodo dell’onda”. L’inverso del periodo si chiama “Frequenza dell’onda”, esso corrisponde al numero di vibrazioni che ci sono in un secondo,  si misura in Hertz.

In questo tipo di onda è la materia che si sposta, quindi la sua velocità è molto limitata. Un classico esempio di questo tipo di onda è data dal vento.

 

  • Onda di vibrazione trasversale.

Se un uomo spinge una corda di lato, genera una perturbazione che si propaga lungo la corda.

Non c’è trasporto di materia, anche qui possiamo definire il “Periodo” e la “Frequenza” come sopra. La velocità di propagazione dipenderà sia dal tipo di filo che collega l’uomo e la donna, sia da quanto è teso. Più alta è la tensione, maggiore sarà la velocità.

Se la spinta laterale rimane sempre nella stessa direzione, l’onda si dice polarizzata.

Se la spinta laterale cambia continuamente di direzione, l’onda ammetterà tutti i piani di polarizzazione

 

  • Onda logitudinale di tensione.

L’uomo può tirare avanti e indietro la corda generando un “Periodo” ed una “Frequenza”.

La velocità di propagazione dipende dal filo.  Non c’è polarizzazione possibile.

Un classico esempio di questo tipo di onda è il suono, esso comprime e decomprime l’aria.

Le onde possono essere combinate insieme, per cui nel filo possono coesistere tre tipi contemporaneamente.

Gli orgoni Yin e Yang vanno immaginati sia come onda che come particelle materiali.

Gli orgoni, quando hanno l’aspetto di onde, si muovono in moto rotatorio spiraliforme, che tende ad espandersi.

Per definire il moto rotatorio occorre partire dal verso di propagazione della particella.

Sembra che le particelle, sia Yang che Yin, tendano a muoversi in senso orario per l’osservatore che le vede allontanarsi da se stesso.

SENSORARIO.jpg

Per tale motivo l’astrofisico russo prof. Nikolaj A. Kozyrev asserisce che il nostro universo è destrorso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Teniamo però presente che un osservatore esterno alla Terra, che dal Sole guarda verso Terra vede lo Yang andare in senso orario e lo Yin arrivare in senso antiorario.

 

Comunicato stampato nel 1986 Fatto pubblicare da Ighina

L’ANTIDOTO PER L’ENERGIA NUCLEARE

L’invenzione della radio ci aiuterà a capire come neutralizzare la radioattività enerata dalle centrali atomiche e dalle esplosioni nucleari?

La risposta, anche se può sembrare incredibile, è sì.

Ma vediamo come e perché l’invenzione del primo premio Nobel italiano ci può essere d’aiuto.

Per costruire la radio Guglielmo Marconi adoperò un’antenna aerea (isolata dal terreno) ed un’antenna interrata, in modo tale da ottenere due differenti potenze, a cui dette il nome di energie.

Il nostro scienziato capì che le due energie sono, in verità, una sola: l’energia del Sole che, dopo esser scesa sul nostro pianeta ed averlo saturato, torna al suo punto di origine.

La discesa e la risalita di questa energia venne denominata da Marconi “ritmo Sole-Terra”.

Questa scoperta rese possibile la costruzione del primo apparecchio radio rice-trasmittente, oltre a segnare l’avvio di molte altre conoscenze scientifiche.

Infatti, il nostro premio Nobel arrivò a dedurre che dal “ritmo Sole-Terra” dipende la costituzione ed il buon funzionamento di tutte le cellule viventi sul globo terrestre.

Marconi, ad esempio, si rese conto che bloccando una piccola quantità di questo ritmo si ha la solidificazione delle due energie, creando cosi una cellula, cioè materia.

Inoltre, Marconi stabilì che il “ritmo Sole-Terra” ha un movimento rotatorio in senso orario, quando l’energia scende verso la Terra, ed in senso anti-orario, quando l’energia torna in direzione del Sole.

Questo fenomeno venne spiegato da Marconi con il fatto che l’energia del Sole si riflette nella Terra e fa dietro-front: in questo modo, anche il movimento impresso all’energia subisce la riflessione e quindi si inverte.

Ma, la scoperta di maggior rilievo (quella, per intenderci, che ci darà la possibilità di neutralizzare la radioattività) fatta da Guglielmo Marconi riguarda i poli magnetici della Terra.

Egli arrivò a capire che la causa del Polo Sud e del Polo Nord è l’ammassamento di energia solare, da un polo, e di energia terrestre, dall’altro.

Quest’ultima conoscenza lo indusse a pensare che, probabilmente, anche la magnetite possedeva caratteristiche analoghe.

E difatti, dopo una profonda analisi su questo minerale, si rese conto che la magnetite ha un ammassamento separato delle due energie.

In conseguenza di questa determinazione, cominciò ad interessarsi alla fenomenologia che caratterizza l’elettrocalamita.

Dopo anni di studi Marconi giunse a concludere che la corrente continua che attraversa l’avvolgimento (su di una sbarra di ferro) di una elettrocalamita produce (sulla sbarra) lo stesso fenomeno riscontrabile nella magnetite e nei due Poli terrestri: vale a dire, l’ammassamento di energia solare da una parte e di quella terrestre dall’altra.

Guglielmo Marconi morì nel 1937, ma prima di morire incaricò un suo fedele collaboratore (Pier Luigi Ighina, che ebbe occasione di lavorare con lui dal 1926 al 1937) di proseguire gli studi sull’elettrocalamita.

Ed è proprio per questo motivo che si costituì ad Imola (vera città natale di Marconi), circa 50 anni fa, un Centro di Studi Magnetici, tuttora in funzione, che ha realizzato il sogno di Marconi:  produrre i famosi “Monopoli Magnetici” da una elettrocalamita (che, in altri termini, sono il risultato della separazione di due polarità magnetiche in una elettrocalamita).

Tra i risultati ottenuti nel laboratorio di Imola, per mezzo del “Monopolo” vi è la neutralizzazione di scorie radioattive, come si è visto nel corso di ripetuti esperimenti.Questi esiti, di un’importanza davvero rilevante, data l’attualità dell’argomento “radiazioni”, potranno essere confermate, tra non molto, anche da altri laboratori, dove si sta ricostruendo l’apparecchio produttore di “Monopoli”.

________________________________________________________________________________

I forum più rilevanti sull’argomento :

http://www.energeticambiente.it/

http://22passi.blogspot.it/

http://www.mednat.org

puoi scaricare il libro free sull’argomento fusione fredda qui : http://www.scribd.com/doc/82594693/E-Cat-Inizio-Di-Una-Unuova-Era-Teorie

Alcuni personaggi della storia della fusione fredda :


3 responses to “FUSIONE FREDDA

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: