Third force and electricity

By Guglielmo Menegatti

They say that there is no smoke without fire and also that many clues and coincidence make a sure thing; this is what shall inspire us in reading  this article.

There are many reasons that push us to believe that in ancient times   humanity owned technical and scientific  information  that  have  only been re-discovered  or recovered recently.

For example we know about the rescue of “Bagdad battery”:

bagdad

And we have seen all over  pictures about  Dendera lamps :

dendera

In our previous work  we have explored  the possible connection between ancient alchemists and their  aknowledege  on eletctricity and  way of producing and  using it (https://gradientitemporali.wordpress.com/2014/10/16/alchemy-and-electricity/)

Wwe have reach the conclusion that some illustrations from an alchemic book of 1400, are actually allegorical representations of electrical circuits. But what is even more interesting Is that those circuits have been projected by taking advantage of different principles,  other then those  explained in our current physical books. Even the book’s title “book of the Holy Trinity” is an hint that is confirming our conclusion.

Our interpretative work is based on  an extensive research,  regard an effect  almost unknown and unstudied  by classical physics, which we call the Third Force.  The Third Force is known since  ancient time   and it is an element that has always  been a matter of great importance; it can be found described by all the main world’s religions. The symbol used by religions is the triangle and his name is Trinity.

trinity

In general, according the philosophy expressed  by  many different and most common dogmas, you can say that the union of two opposites generates a third element  that compose the triad and therefore perfection

http://www.instoria.it/home/triade.htm

this third element is also the operating and intermediary  element through which and from which it is possible to realize and materialize the God’s desires.

Our interpretation derived from a larger work, which led us to some conclusions  partially described in the website http://digilander.libero.it/kems/

To understand what we mean and how the third force works, we have to consider that in a closed system, to every action there is always  a correspondent  equal and opposite re-action.  In our closed system “Universe” there is a manifestation of the  purpose to maintaining the status quo, which means that for every action there is a counter-balancing force from Universe itself, which attempts to restore the original situation.

Electricity is one of the many forms in which  this re-balancing force (of the universe)  is manifesting. In other words, electricity does  not exist in his own, but there are always and only two original forces, the one that we cause and consequently the response from the universe ( which is interpreted as electrical current);  this response can appear in different forms, but in essence is still the same (gravity, energy sound etc)

For an analogy  you shall think about the concept of voltage and current and its functional process. In fact in a circuit before there is established  a voltage, and then with a delay in time, which is depending from the type of circuit, there is the generation of a current flow which  is also the cause that produces the work.

In an electric circuit, we usually associate wrongly , the idea  that  the movement of a current and the  conductor that is part of the circuit  are  two  inseparable things. In reality the conductor, despite  having positive properties, it is not part of the circuit, but it is just a vehicle that permit to concentrate energy in a given space.

The lack of a full understanding of how  electricity is working  has  led us, up-to-now,  to  produce not efficient systems. In our circuits, we first create a potential difference and then we destroy it by closing circuit  through a conductor.  In reality when you create a potential it is not absolutely necessary to close the circuit to obtain work. What you shall do instead is  to create a disturbance, for which it is possible to predict the rebalancing behavior of the universe , and to channel the  outcoming energy value in a favorable way.

The third force is generated  in  special symmetric configurations, and it is pretty much a “surplus” of balancing force of the universe.

To understand Third  Force  mechanism and the energy that this made available we need to get used to separate the two basic forces played in whatsoever symmetrical system.

As we said any action  create always a disturbance in the Universe, which try to oppose it  and return the system  to its previous state.  When two elements are  equal, the universe try  to control them generating for each element a single opposition force, but in many case it adds an other force which has the purpose of controlling also  the two forces generated by the same universe. When this force is present,  and one element is perturbed, you will obtain an identical  perturbation even in the other  connected element. The two events, however,  are not contemporary , in fact before there is a  disturbance act, and then with a delay there is the universe re-action of re-balancing,

The third force, in a certain way, can be considered as a cheating  to the Universe, but  of the many possible  way, it is the more natural and it does not need  additional devices or components to be generated. It exploits the inability of the universe to control two identical  elements, acting  one next to the other.

In the scientific aknowledge this element it has not been taken into account and therefore it is not properly used, but you can find many ancient representations from which it is possible to deduce that this type of circuit  was used in the past.

Here below  pictures from websie

http://www.bibleorigins.net/illustrations.html

Here we can find many pictures from second millenium BC where  we can see  something that  looks like a system of production and use  of electricity based on two elements that generated a third

trinity2

trinity3

One particular  device in the above picture can be  compared to other well known devices

 

trinity4

An other hint that is confirming the ancient aknowledge in electric filed it the representation of  “Nataraja”:

dea

In this device we can see an electric motor with  brush (hand with flame) that operates at high voltage (electrostatic), as we infer from the flames around the circle.

In the following movie we can see an interpretation of rotation:

in this movie the outocoming due to  some bad interpretation due to the lackness of information

Here below some examples of  electrostatic motors applications not suitable for industrial application, but  simply for the purpose   of illustrating what I mean:

Project Nataraja is much more elaborate then is visible in the four movies showed above , in fact it has multiples devices on the circumference that shall be studied longer

Elettricità e terza forza.

Di Guglielmo Menegatti

Si dice che non c’è fumo senza arrosto e che molti indizi o  coincidenze fanno  una prova ed è con questa consapevolezza che va giudicato quanto segue.

Molte sono le ragioni che ci fanno credere che nel passato fossero disponibili  informazioni  tecniche e scientifiche di cui abbiamo scoperto o recuperato solo recentemente conoscenza.

E’ noto il ritrovamento della pila di Bagdad:

e sono famose anche le immagini delle lampade di Dendera:

dendera

 

 

Abbiamo già esplorato in un precedente lavoro i possibili collegamenti tra antichi alchimisti e conoscenze sull’elettricità e sui sistemi per produrla ed utilizzarla in questo lavoro:  http://digilander.libero.it/kems/appendiceAlchimia.htm.

La conclusione a cui siamo giunti in questo studio è  che alcune immagini raffigurate in  un libro  alchemico del  1400 sono in realtà  rappresentazioni allegoriche di circuiti elettrici.  Quello che è ancora più interessante è che i  circuiti rappresentati,  lavorano sfruttando dei principi diversi di quelli a cui i nostri libri di fisica ci hanno abituato. Il titolo stesso  del libro dal quale sono prese le foto “book of the Holy trinity” ossia il libro della Santissima Trinità, è una conferma delle nostre conclusioni.

Il nostro lavoro interpretativo si basano su una lunga ricerca relativamente ad un effetto quasi sconosciuto e non studiato dalla fisica classica, che  denominiamo Terza Forza.   La Terza Forza è storicamente un   elemento di grande rilevanza e lo si può trovare descritto da tutte le religione del mondo.    Nelle religioni il suo simbolo è il triangolo e la suo nome è Trinità.

trinity

 

In generale e secondo la filosofia espressa da vari e più diffusi dogmi si può dire che l’unione di due opposti genera un terzo elemento che compone la triade e quindi la perfezione.    http://www.instoria.it/home/triade.htm

Questo terzo elemento inoltre è l’elemento operativo e intermediario per mezzo del quale si realizzano e concretizzano i desideri di Dio.

Le nostre interpretazioni sono legate anche ad un  lavoro più ampio, che ci ha portato a delle conclusioni in parte descritte nel sito dei gradienti temporali http://digilander.libero.it/kems/ .

Per capire di cosa stiamo parlando e come funziona la terza forza bisogna considerare che in un sistema chiuso  ad ogni azione corrisponde sempre un’azione uguale e contraria. Nel nostro sistema chiuso “Universo” esiste una specie di  volontà di mantenimento dello status quo che fa si che ad ogni azione esista una contro-forza riequilibrante da parte dell’Universo stesso, che tenta di ripristinare la situazione originale.

L’energia elettrica  è  una delle tante forme in cui si manifesta la forza  riequilibrante dell’Universo. In altre parole l’energia elettrica non esiste ma esistono, sempre e solo, le due forza prime, quella che noi provochiamo e poi di conseguenza la risposta dell’Universo (che viene interpretata come corrente elettrica);  risposta che può apparire con diverse forme ma che in sostanza è sempre la stessa (gravità, energia, suono etcc).

Per avere un’analogia si pensi al concetto di tensione e corrente e al suo processo funzionale. In un circuito infatti prima s’instaura una tensione e poi con un ritardo, che è in funzione del tipo di circuito, si genera una circolazione di corrente che è anche la causa che produce il lavoro. Quando si pensa ad un circuito elettrico in genere si commette l’errore di associare in modo inseparabile il movimento di una corrente con il conduttore che fa parte del circuito. Il conduttore invece, pur avendo delle proprietà positive, non fa parte del circuito elettrico ma è solo un mezzo che consente di concentrare in uno spazio determinato l’energia.

La mancanza di una piena conoscenza del funzionamento di  questi fattori ha portato fino ad oggi, alla produzione di sistemi non efficienti. Nei nostri circuiti si crea prima una differenza di potenziale e poi la si distrugge chiudendo il circuito tramite un conduttore.    Quando si crea un potenziale non è assolutamente necessario chiudere il circuito per ottenere lavoro. Quello che si dovrebbe fare invece è  il creare una perturbazione della quale sia possibile prevedere il comportamento (riequilibrante) dell’Universo così da incanalare in modo favorevole il valore  energetico derivante .

La terza forza   si genera in  configurazioni (simmetriche) particolari, ed è praticamente  un”surplus” di  forza  riequilibrante dell’universo.

Per ciò che concerne l’energia che si rende disponibile dalla Terza Forza e comprendere il suo meccanismo è indispensabile abituarsi a separare le due forze basilari che sono in gioco in un sistema simmetrico qualsiasi.
Come abbiamo detto quando si compie un’azione si crea sempre una perturbazione nell’Universo il quale tende a riportare il sistema nel suo stato precedente. Quando due elementi sono uguali l’Universo tenta il controllo generando per ogni elemento una singola forza di opposizione ma in più aggiunge, in molti casi, un’altra forza che ha lo scopo di controllare le due forze generate dallo stesso universo. Quando questa forza è presente, se si perturba un elemento si ottiene una perturbazione identica anche nell’altro elemento che è collegato. I due eventi però non sono contemporanei, prima agisce la perturbazione, e poi, con un certo ritardo interviene il riequilibrio.

La Terza Forza se vista in una certa ottica può essere considerata come un imbroglio rivolto all’Universo ma essa fra i metodi possibili è il  più naturale e non richiede componenti o dispositivi aggiuntivi per la sua generazione. Essa sfrutta l’impossibilità dell’Universo di controllare due elementi identici che convivono nelle vicinanze.

Nella cultura scientifica attuale questo elemento non viene preso in considerazione e quindi non viene sfruttato adeguatamente, ma si possono trovare molte antiche rappresentazioni da cui si può  dedurre che questo tipo di circuito fosse utilizzato.

Qui sotto una serie di immagine dal sito:

http://www.bibleorigins.net/illustrations.html

In questo sito ritroviamo molte immagini del   secondo millennio AC  dove viene riportato quello che sembra  un sistema di produzione e sfruttamento di energia elettrica basato su due elementi che ne genera un terzo.

trinity2

trinity3

Possiamo  confrontare il particolare di questa foto con altre immagini che ci sono familiari :

trinity4

 

Un altro indizio che ci conferma le conoscenze  in campo elettrico dei nostri avi è la rappresentazione della “Nataraja”:dea

In questo dispositivo possiamo vedere  un motore elettrico dotato di spazzola (mano con fiamma) che funziona ad alta tensione (elettrostatico), come deduciamo  dalle fiammelle intorno al cerchio.

In questo film un’interpretazione della rotazione:

e in quest’altro film, ciò che ne hanno ricavato non disponendo di una cultura idonea all’interpretazione.

Qui sotto alcuni esempi di applicazioni di motori elettrostatici non ovviamente per applicazioni industriali ma con il semplice scopo di illustrare ciò che voglio dire:

il progetto nataraja è molto più elaborato di quanto è visibile nei quattro filmati proposti qui sopra infatti dispone di dispositivi multipli sulla circonferenza che andrebbero più lungamente discussi.

 

 

TESLA AND HIS GOLDEN EGGS

By Guglielmo Menegatti

English Version from: http://digilander.libero.it/kems/AppendiceTelsaUova.htm

TESLA

I personally think that Aesop’s fables, besides being an ethical and moral educational teaching, (albeit in a careful concealed way) are a means of preserving and transmit information and knowledge that comes from an unknown origin, probably from a pre-human civilization.

Aesop  was a fabulist that lived in ancient Greece, 600 years before Christ; to understand how Aesop was keep in consideration  from wise men of that time we will cite here following a  quote of  Dante’s  Convivio IV XXX (book 4 chapter 30) :

Here it should be noted that, as our Lord has said,

one should do not cast pearls before swine,

for it does them no good and brings harm to the pearls

With those words Dante (that is also known as one of the biggest Initiated of that time) warns us about sacredness of Aesop’s fables; he warning not to reveal the hiding true meaning , because as Jesus Says, “one should do not cast pearls before swine” then he specifies and emphasizes that both who discloses and who receive (when the receiver is a swine) will be harmful.
Then Dante continues:

“..And as the poet Aesop says in his first fable,

a grain is worth more than a pearl to a cock, and he therefore leaves the one and takes the other

The statement warns that anyone, that by his own nature, is not ready to receive a teaching, rather than appreciate the pleasure of knowing, he will use the information for his own interest, for  evil purpose.

In other world, evil people are more attracted by trivial and external aspect of things (pearl  or  daisy   intended  as  precious thingss) rather then their inner and real value (cock leaves  the ” wheat” grain, a good food  and prefe to feed  himself with  pearls that have no nutrients )

In the further paragraph, in a synthetic and extremely beautiful way, Dante is recommending us to read these stories carefully, because only in this way it will be possible to find,first the room and then the noble woman who lives there (woman here means Philosophy or science):

”Considering this, as a precaution I direct my canzone to reveal its purpose where this lady, namely Philosophy, is to be found. This most noble lady (philosophy) shall then be found

when her dwelling-place is found, that is, the soul in which she dwells”.

One of the most famous Aesop’s tale is certainly “The Goose That Laid the Golden Eggs “which in summary, tells about a farmer who is not happy to receive a golden egg for each day, so he decided to open the chicken belly to extract with a single operation all the valuable content.
But the improvised surgeon managed only to kill the goose, which (poor thing) didn’t hide anything in his bowels.
You dont need to be an analyst or a psychologist to understand that this story has not pure entertaining  purpose; at the same time it is too abstract to teach ethics because it is illogical and inconsistent. In fact to be honest, (I invite you to read the original) I cannot even consider it a fairy tale because it doesn’t makes you dream about it, as it does not have reference to the daily reality and it is not teaching education.
Without going too deep into the story’s anomalies, with the risk to lose the aim of this document, I would like to emphasize that if the lucky farmer was not happy there must be a reason.
The farmer at each brood (daily) obtained a golden egg which means that he received daily at least 200 grams in gold, a value that is able to satisfy any greedy desire; Beside this, even without taking in consideration the known prudence and wisdom of peasants (who ponder before acting), I do not believe that someone could have killed or hurt a so gorgeous bird.
However if the egg was not completely gold, but only the shell was gold, then the plot of the story and the reaction of the farmer was taking logic sense and justification. In fact the only shell in gold weighs few grams.
The golden eggs are not only found in Aesop’s fable, but also in many legends of every country.
Hindus say that all God power is contained in a golden egg; Finns believe that all the Creation sun,Stars etcc were generated from a golden egg, a similar myth is said by Buddhists and also the idea that birds, and in particular doves witch very often  represent  the arrival of abundance or a radical change and…   it is possible to go on.

Tesla (1856-1943) was a scientist and his invention has greatly improved the quality of our lives.
The greatest inventions of this real genius, while being enormously useful and used, were not able to give Tesla the deserved rewards, because Tesla died poor spending last year’s o his life abandoned in solitude in a New York hotel.
Various Tesla biographies, regardless of who wrote them, looks virtually identical and; they look amazingly similar even in exposition style.
Those biographies are so inconsistent and unbelievable that they look like they are part of a premeditate plot; actually they are so false and contradictory that with a little bit of attention it is easy to detect lies from real facts.
I wish to say that the real facts are certainly the ones that in the biographies seem unusual, eccentric or fanciful.
Without going too much in dept, and to remain in the aim of this little works, I wish to extrapolate from the biographies a passage which refer to the last period of Tesla life. Here following the text:
Tesla, neglected by everybody, he was leaving with the only support of a small pension granted from Yugoslav Kingdom in a New York hotel. His favorite pastime was to look after pigeons. For his pigeons he had built a shelter and next to it a place of care, and he was giving full attention to their diet, in fact he prepared  and feeded the birds with a special recipe of his invention
It is also tells about a great friendship between Tesla and a special pigeon; this friendship was so great that when the beloved pigeon died, from the bird small eyes, arose an intense bright light.
No need for deep investigation to realize that Tesla poverty was quite unusual.
Our poor man in fact was living in “New Yorker” hotel and here is the picture of the hotel:

newyorker

Obviously Tesla was not staying in a regular room but in a “suite” so, in my modest opinion of course, Tesla knew how to integrate his modest pension.
Among Tesla’s manias, it looks that there was a fixation for number”3” and its multiples.
This number  (three) does not looks like it is connected with  matematic or cabalistic reference, but most probably it is referred somhow  to an alchemic memory , where number nine is rapresenting  walnut tree, while number three is  its fruits that is  also the trinity symbol.

This symbol or number three in particular is referred to the femminine flower of this three, that often blossom in couple of two by two , where the shape somehow remind about number three.

The shape of the gem is somehow reminiscent of the number three.

noce

I point out two additional information about this very common tree very peculiar:
1) It has the property of being self- fertile in fact the same tree is producing at the same time flowers female and male.
2) Many God’s and Jesus representation and also about various deities around the world are drawn inside an oval (a side or a quarter)  that looks like the picture of a  nutshell;  the oval shape can be indentify with a  nutshell for thickness and  wrinkle  aspect that are not typical of eggs.  What makes us lean towards the walnut idea, is the shape that is frequently quite pointy both at the base and at the top, the thickness used for the profile in the picture that is too thick in proportion to represent an egg shell, and from the opening that separate left side from right side that is used to separate two sides. An egg cannot be separate sharply in two sides or in quarter as some myth says and how it is shown in several sacred pictures.

click on following pictures  to enlarge

 

madonna0

madonna1madonna4madonna3

 

In this picture it is possible to notice the particular layout of the angel’s cloaks on the board at the right side of the egg.

croce

 

It is possible to connect this oval picture enclosing Gods and Saints to the very old concept of Cosmic Egg , but some clues are giving more consistence to the walnut idea, than the egg one; or at least, it give the idea of a certain connection between the two symbols , like in a way, the two concept are mutually or sequential interchangeable

The today legacy with the past are everywhere, on frames, mirrors, portraits, paintings all very well framed by a rich and well-carved oval.
What can be so peculiar about nut tree and his flowers to arise all this attention? What role might it have?
I guess two following  hypotheses,  cinder  resulting from  flower or  nut shell of walnut tree  can be :

1)  an element that shall be add to burning in the alchemical furnace or

2) It can be a powder that shall be add to some cooking recipe to achieve some unusual effect.

Before going on we need to clarify a very important Physics concept that we will use here following: “transmutation”.
Transmutation is a natural or artificial process through which it is possible to transform an element in another one. For example uranium can transmute into lead, and this reaction is applicable to almost all the elements that constitute up matter.

The transmutation concept was used by alchemists before being used commonly in physics. Fort alchemists transmutation is a process by which from a basic poor substance   through various chemical reaction and refining it is possible obtaining gold (means as metal) and spiritual elevation.
In modern physics transmutation is an ordinary concept, a phenomenon commonly used.
In nuclear reactors for example they occur normally, and through special devices it is possible create new material that does not exist in nature.
Some of transmutation that occur in nature are well note, like for example the carbon decay is used normally for dating organic substance age.
According classical physic it is not possible to obtain transmutation quickly or without a lot of energy, but not all researcher however think this way.
The first one that has had some doubt about the relationship transmutations- energy was Kevran, a French scholar that disclosure (working very hard) the biological transmutation concept .
Biological transmutation according to Kevran’s theory is a transmutation that occurs normally in living organisms (in real time) without the use of any special amount of energy.
Kevran did experiments on the transmutation of potassium in calcium and in particular, he collected information’s and showed evidences about anomalies in bird’s eggshells creations.
In birds case the anomaly was determined by the fact that the egg shell contained more calcium that the one introduced through feeding.
Kevran experiments showed that birds enclosed in a controlled environment , despite been nourished with food lacking calcium, were able to produce eggs (with shell)
Obviously the food was a special one containing substances such as aluminum silicates and potassium silicates.
Potassium (tartaro) has a great importance in chemistry and can be extracting very easily as carbonate from plants ashes, so it is possible that walnut tree and his flowers can be particularly indicate for this purpose. The creation of silicate is very easy, as you only need to combine ashes with sand and put the mixture in a high temperature oven.
In summary:
– Aesop tell us that since long time is acknowledge that shell can be made of gold
– Kevran discovered that birds are able to make biological transmutation
– Tesla was maniac for number 3, and he is not the only one as for example Dante became psychopath for nr. 3
– Tesla loved pigeons and when he dies his favorite pigeon emitted light (it probably became radioactive  )
Is it possible that “nocino” liquor is the real elixir of life?

Riferimenti utili
http://it.wikipedia.org/wiki/Nikola_Tesla
http://www.iosononelfuturo.it/files/oro_alchemico.html
Http://La noce simbolo dell’uomo e della divinità
http://www.cavernacosmica.com/simbolo-e-significato-dellalbero-di-noce/
http://ok-ambiente.com/2009/11/24/il-noce-simbolo-di-morte-e-rigenerazione-e-potente-rimedio-fitoterapico/
http://www.cartomanzia-astrologia.com/le-erbe-magiche/il-noce/
http://it.wikipedia.org/wiki/Corentin_Louis_Kervran
http://www.poesialatina.it/_ns/Greek/tt2/Esopo/Esopo089b.html
http://www.educazionesostenibile.it/portale/sostenibilita/tecnica-a-ecologia/racconti/1598-npk-k-per-potassio.html
http://www.fisicamente.net/FISICA/index-1387.pdf
http://it.wikipedia.org/wiki/Vetro_solubile
http://en.wikipedia.org/wiki/Vivekananda
http://www.windoweb.it/guida/scienze/biografia_Nikola_Tesla_07.htm
http://menteecuoreincucina.wordpress.com/2014/06/24/il-liquore-delle-streghe-il-nocino-di-san-giovanni/
http://it.wikipedia.org/wiki/Uovo_cosmico
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=728
http://icbrisighella.racine.ra.it/progscientuovo/uovo_mitologia.htm
http://www.angolohermes.com/Simboli/Noce/Noce.html
http://www.angolohermes.com/Simboli/Uovo/Uovo.html#Uovo_Filosofale

ALCHEMY AND ELECTRICITY

How to  sanctify a thermostat…

by Guglielmo M.

fonte : http://digilander.libero.it/kems/appendiceAlchimia.htm

Termostato_Spirale

Mainstream science has deleted his own origins (and all past knowledge) letting us thinking that intelligence, logic and understanding ability were an exclusive right of nowadays scientists.

Herewith, we will prove that electricity was known much earlier than what we believes, and this knowledge was also so deep that it was possible to  create circuits and connection system that are currently being studied or even ignored by our culture.

We will study some images taken from the alchemic “Book of the Holy Trinity” (originally known as  Buch der heiligen Dreifaltigkeit), but similar pictures can be found in all the old world cultures.

The “Book of the Holy Trinity”  Author’s  through some pictures present in his works, is  showing  us how he knows very deeply electricity.

Here below a link with all the images concerning of an edition of  “Book of the Holy Trinity”:

http://www.alchemywebsite.com/imagery_buch_der_heiligen_dreifaltigkeit.html

As a further evidence  that the knowledge  about electricity comes from far past, we add here  below some Sumeric pictures that show  birds (dragon) flower (lamps) wings etc   It is easy to see graphic and logic similarity that will be longer  described here following.

AsherahMesopotamia

   Sumerian

and again some similar symbol taken from a very remote  Equadorian  culture, taken from Crespi collection:

crespiRid

let’s begin the analisys of the “book of the Holy Trinity”  pictures, starting from this picture:

alchimia1

On the sides you can see two trees with flowers; these flowers are obviously the bulbs. What is giving us the assurance that the flowers are bulbs? It simply by  the way the flowers are colored in order to describe their purpose, in fact the left side flowers generate light as the sun, while the bulbs at the right side are  lighting  up the night as the moon.

Author gives us the information that the lighting system consists in two separate groups, and that bulbs of each group are connected together in parallel. This is obvious because each lamp has its own line  connected with the main trunk. A further confirmation  comes from the fact that  last bulb, the upper one, is powered directly from the trunk. It is important to know that it’s a “parallel” system because this clarifies the lack of a metallic conductor that is  replaced from ground.

If the picture was about a “series connection”, circuit could have been connected at any point of the trunk, so it couldn’t specify with certainty the usage of the ground as conductor.

If you use ground as conductor, as we will clarify later, it is important for create a resistive partition that enables a better flexibility on  the circuit.

Here following the lamps parallel connecting diagram:

And the equivalent blueprint:
circuito

Reading the blueprint:

The two blocks in the upper part (red and blue) symbolized two elements of a battery like for example copper and coal.

The light blue square symbolized a bathtub containing a liquid solution (voltmeter) or a river or a sea water etc

The two lamps groups series are shown with L1 and L2

The dragon is symbolized using the four resistors (R1 R2 R3 R4) and from two connection to the ground.  There are  two  connections to the ground because the  dragon has  two legs.

Dragon beaks are the two switches S1 and S2.

Resistors (R1 R2 R3 R4) are built in way to produce heat during the  system operation.

drago

In the diagram  the brown bar  represents the “Ground”, for this reason one can ideally assume  that: various cables entering  directly intoground or they are  connected by metal poles or connected using a submerged metal mass so that the ground offers the least possible resistance.

HOW IT WORKS

If S1 and S2 are open, the  bulbs L1 and L2 will result connected in series and the light of the two bulbs  will be On (will light up).

If S1 is closed  and S2 open,  will light up only L2.

If S1 is open and S2 is closed, will light up only L1.

If S1 and S2 are both closed  then bulbs L1 and L2 will be Off, but the circuit  will produce  heat inside the dragon trough R1 and R4, evidently R1 has less resistance comparing to the sum of  L1 and R2+R3. The same resistance computation is  valid  also for L2 group. As the dragon feet, that are  in contact with ground, are mobile, it is possible to  modify their distance  so to obtain a resistance value suitable to improve the  performances.

Note:

The two resistances (R2+R3) are used to create the parallel with ground resistance.

If we imagine that R2 and R3 are placed inside (in the belly) the dragon it is easy to understand  that the alchemist would like to inform us that he didn’t knew only  the use electricity for lighting but also for other purposes such as the generation of heat used to cook or melt metals.

From this  consideration it is clear that if dragon will have  had  only one leg, circuit will have been less flexible and It will have not worked correctly.

Summarizing, in the upper part (inside the dragon) the resistances were producing heat  for heating etc., while  the two legs connected to the ground, beside being an ideal rheostat, it give us the idea that the feet of the dragon where used for  electro-deposition techniques or metal’s melting  that were happening directly on the dragon’s feet or  on metals, connected to the same feet.

Please note also  that the whole circuit (that looks complicate) it is designed so to stay always connected, in other word  it has always a working side, for example inside the lamps there is always electrical circulation regardless  the fact that they looks turn on. We will explain our hypotesis  about the reason for this connection method  here following.

Here following  a picture from an other  alchemic book  where  it’s clear the heat production.

AlchimiaCalore

in the following picture, from an other alchemical work it is in shown  a likely  electrodeposition

AlchimiaElettrodeposizione

The hypothesis expressed above can also be found in a Japanese picture (here below)  from Taoist alchemy where the houses (buildings) are representing several possible processes.  It is interesting to see   the usage of a switch that we have highlighted with the  “C” letter,  that is probably driven by a thermostat very similar to  the one that will be described later.
More information on this can be found here:

http://www.goldenelixir.com/jindan/japanese_body_chart.html

Chart of the Body

 

In the manuscript of our alchemist there is another image that confirms  our electrical circuit, hits connection and what we have stated before as it shows the real spatial disposition of different objects.

King’s feet are representing the feeding terminals that in our scheme has been simplified with a  pile, but in reality, as we will  explain later it is about   an impulsive  tension generated  from a transformer.

 heyligen_External

The greateness of  “book of the Holy Trinity”’ author’s and of  many other  past scholars is amazing us as  they evidently knew information not yet  understood in our time. They were aware about technological solutions and knowledge of  concepts that are fundamental for science.

In this alchemistic scheme there are two bulbs groups;  from a first glance we  can think that two group of  lamps  are too much  as one only group will have been  enough to explain the principle.

But the point is that  the alchemist is intended  a battery in a different way than our  usual  knowledge, in fact he intend a special type with  three polarities one, this consideration is evident also in the  picture  of the Japanese alchemist showed here above.

In fact the  three pole pile   has different proprieties and the main one is a self-recharging, in other words this pile is able to charge itself, while generating the operating current;  the Three polarities system is valid and usable not only for batteries  but also for  accumulators and electrochemical capacitors.

There are different possible configurations of a three polarities pile and we chose the one that are drawn in our  scheme  “equivalent” and this because recently, thanks to an accidental discovery, the   configuration has been verified and tested in  practice by several researchers.

The inventor of this circuit configuration has named the effect: “Captret”

In the alchemist project the third pole is not visible as its existence must be inferred by deduction; the deduction is conceivable from two things:

  1.  the fact that  it was not necessary to use two groups of lamps to describe what he wanted to explain:
  2.  the name of the book that contain the (not casual) word “trinity” that means “made from three items that are working together”.

With a  tri-pole system configuration, when the two groups of lamps are working alternately, the section of the stack that at the moment is not activated, it is  recharging automatically

In this document we will not analyzing the Captret effect but  it is possible to find a lot of material inside the web; you can start by watching this movie:

Captret test Movie

And in the forum of the  below link you can find  scheme, test and applications

http://www.overunity.com/captret-effect/

In summary, Captred is an ordinary electrolytic capacitor equipped with a metal container,  the container is used as a terminal and thus we get  three terminals, the first two are the usual “positive” and “negative” and the third is the zero (container) .
to be able to use the capacitor with the effect  Captret it is necessary prior to polarize it by applying  for a certain time  a voltage between a terminal and the container, or it is also possible to polarize  both  terminals one after the other .

Here below a typical scheme Captret

carpret

Here below a link on how to do it, building and usage.
http://jnaudin.free.fr/captret/index.htm

Here below Captret in work

Capacitor recharge with  Captret Movie


Attention do not  do electrochemical experiment if you do not own the needed experience, we remind that  capacitor and accumulators or batteries can easily explode.

Captret example have been proposed only to give an idea of tripolar system potential, but our alchemist was referring to something else which is not yet known to our technology.
Therefore through the alchemist we discovered the existence of an innovative electrochemical process and  the usage of a ground system to simplify and stabilized the circuit and to normalized potentials.

To continue however, we must justify the winged king who reigns in the figure.

We observe, that in the middle at the top of the wings has been drawn a star.

stella

The star, famously, is a flickering and bright light that we can imagine to be the equivalent of an electric spark.

Being the spark usually caused  by  contact between  two conductors ,  it can be deduced that the wings of the King must be mobile, and for some mechanism they join and separate continuously.

Observing King we see that he consist of two parts intimately united (one male and one female) and that each part has different colors and such to be interpreted as metals.

Note
The color that now appear black is a silver compound that was in the origin with a color shiny and bright .

The combination of two  different and suitable metal strongly connected in many points create a bimetallic couple that can be used to make a  thermal  oscillator .

http://scuola.zanichelli.it/online/ruffo_fisica-files/edAzzurra/Zanichelli_Ruffo_Scheda_10.pdf

if our hypothesis is correct  the winged King is in reality a measuring system that shall indicates the battery charge level, therefore it will be possible to evaluate the charge by measuring the intermittent cycle frequency or from the kind of sound emitted (higher or lower).

This measuring way is  important because  if you consider only the voltage value on the batteries or on the electrical accumulators  is not enough to evaluate the real charge status.
The alchimist is giving us two further information that will help us to understand the internal mechanism of this device, and those information will help us to verify our hypotesis.

Hints are the two objects that king is holding on hand : a spiral at left and a cup with snakes at right.

heyligen_Termo

In fact there are two way to built a thermostat  to get the best advantage from  the dilatation of a bimetallic couple: a linear way and a spiral way

Here following three examples, even if  of course  in the alchimist project, operating heat is generated from electric power.

spiral Thermostat Movie
linear expansion Movie
bimetallic engine  Movie

In ancient time bimetallic couples were well known and  used  for several purpose such as  measuring instrument  toys or pastime.

In the images below you can see on the left a simple rotor toy and  on the right a power switch.

The rotor toy works with  different dilatation of two different  flowers, arranged in each stick, while on the right,  the power switch is symbolically represented by the head of the central figure, that is also holding in his hands the supply wires.

heyligen_TermoEX

To see more pictures you can click on the below link, that points to a large gallery of alchemical drawings.

http://www.alchemywebsite.com/amcldraw.html

In the slow motion animation you can see how it looks like a bimetallic thermostat (winged king) when it is operated.

From this contact movement you can understand the reason why the king is  usually represented with  butterfly wings, the switching speed  and/or the sound  emitted is in  fact similar to movement of this insect wing’s.

ReInFunzione

Graphic symbols and designs shown by alchemist are his way to describe accurately both  how this device it   was built and  how it work, but of course in reality the true appearance of the device could be different.

As we said, it is possible to find many pictures in all ancient cultures that are showing the sames concepts  just explained: a star associated with a couple of contacts used to  simply interrupt the circuit (for measure) or as disconnecting potency switch.

Here below a celtic picture that  is visible in the  Italian Cistercian Abbay of   Santa Maria di Chiaravalle  in Fiastra (Macerata)

SerpentiStella

Here following a bas-relief  from Cnosso (1500 ac). In this  picture the contact is made by  pushing  alternative with one hand and then the other one, with a tilting movement using the head as a fulcrum.

StellaDolmen

In the  “book of Holy trinity” we find a second  similar device. This is again an action mechanism (thermostat) but it  has a different employing, in fact the other one was a measuring system  while this  one is a intermittent power  switch.

Here the picture that shows this  second device:

heyligen_SwitchMin

This thermal switch   is positive working   in the circuit, in way that the thermal dilatation put in contact the two dragon heads,  doing this it is closing   the primary circuit of the connected transformer .

The author has drawn the wings so this action is clear and  undoubtable.

The green wing  push the left dragon head  against the right head, the blue wing  instead it is separate from the power circuit, because it as the  soley purpose  of measure, that as we have  explained is the  cycle of frequency interruption.

heyligen_Switch2_Teste

The dragon is also  insulated electrically from the measuring system  (see the skin that has uniform color) and thermostat take his operating supply from two sockets that correspond to the king’s feet.

The power supply instead is taken from the dragon’s feet resting on the ground.

The alchemist is informing us about the  employed tension value in the circuit and he is suggesting us to protect some areas isolating them thoroughly.

You shall note that in the picture there are 5 crowns, a crown is on the head of the king, two are very  evident, because they are placed on a sword and the other one is on the left hand of the King, while the remaining two are half  hidden behind the foot.

AlchimiaPiedi

Crowns is the symbolical representation  of the electric arc that if triggered can be very dangerous both for people and for the facility.

Even nowadays, this effect is symbolized  by a “crown” and also to the present days it has the same name “corona discharge”

Herewith an example and a link for more information

heyligen_Switch2_Corona

http://en.wikipedia.org/wiki/Corona_discharge

We wish to point out that the crowns placed at the feet are drawn in a different color, with this information the alchemist is telling us that  he was aware of the fact that the  “corona” effect can take two different forms, one negative and one positive.

In this link you will find many images of two types of crowns.

http://www.electrotherapymuseum.com/2012/Article/index.htm

in summary:

The voltage is certainly greater than 15 Kv and the points that shall be protected with an accurate isolation are therefore five :

1)    The head, to protects the bimetal which is the conducting body of the thermostat.

2)    Sword represent the power switch the most  dangerous point

3)    The two feet  are the power source of the thermostat

4)    Left hand is the vibrating element to get the frequency measurements.

AlchimiaSpada

Let’s  continue with the description of the electric system,  symbolized  through the images  of our alchemical text, reminding  that there is an intermittent switch (thermostat)  placed in series in the power feeding of a winding, that carries out the important function of allowing the use of magnetic  circuit properties, in other words a continuous current when it is impulsive has the same  functionality of an alternating electric  current.

http://it.wikipedia.org/wiki/Trasformatore

Here below a generic  functional   blueprint, that it is not  completelly equivalent with the alchemist one.

circuito2

In this scheme  the thermostat action  as a switch that cyclically open and closes, and it has been represented with a red arrow and the  initials “TC”.

In the alchemist scheme   the thermostat is designed to act in an indirect way, in other words the heating effect is  create by an external  resistor (that is  powered separately through  king’s feet) that heats and creates consequently a mechanical action of opening and closing.

This circuit configuration is  necessary to separate main power circuit , so that the cycle frequency will result as much as possible constant, and will depend only  marginally from the load.

circuito3

In the above diagram the heating element (RC) and the power supply circuit are shown in red.

The thermostat works in very simply way but it is not intuitive.

1) At the beginning TC is open and in the resistance RC there is circulation of a DC current coming from the battery.

2) Resistance RC heat bimetal and when it  reach its temperature, it shut down the power supply.

3) When the power switch is closed,  DC current circulate throughout circuit, but since the resistance of RC is greater than the one  of the winding, temperature of RC decreases and bimetal consequently open contact, and evidently the cycle repeats.

The information to build the mechanism  it is  described in the image from a sword which is insert in a red crown and from king’s feet that are connected in an intermediate socket of the trasformer (dragon) .

Sword represents the switch power while  red crown is the heathing resistance that is driving the cycle.

spada

Dragon is also suggesting how to  build the winding of the transformer.

We have to start in observing  the dual mirrored symmetry of four heads of dragon.

heyligen_Switch2_Draghi

This picture indicate that transformer has two different  winding;   each winding has been  wound with a two wire system  (ears) and with opposite winding direction, finally from the picture we can see a four sockets (mouths) from which it is possible to take “high voltage”.

Dragon’s legs are the input DC current (+-) coming from a battery or an electrochemical system.

The alchemist is proposing us an amazing  picture, that shows us not only the knowledge of electromagnetism in classic form, but also the knowledge of self-induction phenomena generated without the use of a ferromagnetic core.

In reality the  few images of this work  are the graphic representation of all  that we know today about electrical  technology and  there are  also other information that we are not yet able to figure out.

The possible configuration of this system are really a lot, we have described only the likely configuration (the dragon is powered from feet in CC) but we shall stop here our  speculation as we do not want to go over and write a  compendium of electricity-fiction.

However to complete our hypothesis, we wish to remind that Tesla was the first to experiment  air coils  (Tesla coil)  that in the alchemist picture correspond to supply  one of the dragon’s winding, and use as output the other that is winding in the opposite direction.  More information here :

http://www.panaceatech.org/Tesla%20Switch.p

Here below an other equivalent scheme:

heyligen_Switch2_Trafo

You can find more information about the windings  counter-inductive technique read about Leedskalnin:

http://www.leedskalnin.com

From an other alchemic test we report the picture of a transformer similar to the one just described, even in this case the two section, primary and secondary are separate and electrically isolated.

heyligen_Trasf

With a transformer that has these features it will be possible to experiment  high impulse voltage  and with which it will do verification on many device such as generators, engine, to recharge batteries etc …

For systems working with multiple masses (like the legs of the dragon in the ground) that can be use as generator we suggest to read Kapanaze.

http://jnaudin.free.fr/kapagen

For the configuration “battery charger” we suggest to read  about Tesla Switch

http://www.panaceauniversity.org/Tesla Switch.pdf

Hint:

  • Mercury is extremely suitable to crate thermostats that can be started by heat.
  • It is interesting to see how the symbol for thermostat has evolved in years to became finally Saint, you can search  the words “double head Eagle” see a result here : http://en.wikipedia.org/wiki/Double-headed_eagle

Alchimia ed Elettricità

Come far santo un termostato.

By Guglielmo M.

fonte :http://digilander.libero.it/kems/appendiceAlchimia.htm

Termostato_Spirale

La scienza ufficiale ha cancellato le sue stesse origini (ed ogni cosa del passato) come se l’intelligenza, la logica e la capacità di comprendere fossero diritto esclusivo della nostra epoca.

Nel documento che ora presenteremo si dimostrerà, (e senza tante parole) come le conoscenze sull’elettricità non solo erano note molto prima di quanto si possa immaginare ma esse erano così profonde e tali da consentire la realizzazione (con disinvoltura) di circuiti e modalità di collegamento che attualmente sono in fase di studio o ignorati dalla nostra cultura.

Le immagini che analizzeremo sono tratte da un testo alchemico “Book of the Holy Trinity” (nome originale: Buch der heiligen Dreifaltigkeit) ma figure analoghe si trovano praticamente in tutte le culture antiche di tutto il mondo.

L’autore di “Book of the Holy Trinity” ci informa che egli conosceva in modo approfondito la corrente elettrica e lo dimostra appunto tramite alcune illustrazioni contenute nel suo libro.

In questo link troverete tutte le immagini relative ad una versione del libro “Book of the Holy Trinity”.

http://www.alchemywebsite.com/imagery_buch_der_heiligen_dreifaltigkeit.html

Per evidenziare ulteriormente che queste conoscenze inerenti l’elettricità provengono da tempi remotissimi riportiamo qui sotto  due immagini Sumere che contengono becchi di uccello (drago), fiori (lampade), ali ecc. dove è facile individuare le simmetrie grafiche e logiche che saranno descritte nel seguito.

AsherahMesopotamia

Sumerian …e ancora gli stessi simboli da una antica cultura Ecuadoriana appartenente alla collezione Crespi.

crespiRid

Incominciamo ora l’analisi delle figure di “Book of the Holy Trinity” partendo dall’immagine riportata qui sotto.

alchimia1

Ai lati ci sono due alberi con dei fiori, questi fiori sono evidentemente delle lampadine.
La certezza che i fiori sono delle lampadine si deduce sia dalla grafica del bulbo sia dal fatto che esse sono disegnate in modo da descrivere il loro scopo, infatti a sinistra si vede che generano la luce come il sole e a destra che illuminano la notte come la luna.

L’autore ci informa inoltre che l’impianto d’illuminazione e costituito da due gruppi separati e che le lampadine di ciascun gruppo sono collegate fra loro in parallelo; ciò è evidente perché ogni lampada ha un suo ramo che poi è connesso al conduttore principale (tronco). La conferma ulteriore della connessione in parallelo la si ricava dall’ultima lampadina, quella più in alto, che è alimentata direttamente dal tronco.
L’informazione sulla giunzione “parallelo” è importante perché così risulta chiaro che manca un conduttore metallico, conduttore che invece é presente ma sostituito dal terreno. Se il disegno riportava un collegamento in serie il circuito poteva essere connesso in qualunque punto e quindi non poteva specificare con esattezza l’uso del terreno come conduttore.
L’uso del terreno, come sarà spiegato in seguito, è fondamentale anche per creare una partizione resistiva e quindi di gestire al meglio il circuito.

Ecco lo schema di collegamento in parallelo delle lampade.

terreno
e lo schema generale equivalente:

circuito

Nello schema:
I due blocchi in alto (in colore rosso e blu) rappresentano i due elementi di una pila ad esempio rame e carbone.
Il riquadro azzurro rappresenta in modo simbolico una vasca contenete una soluzione liquida qualsiasi (voltametro) oppure l’acqua di un fiume o del mare, ecc.

I due gruppi di lampade sono indicati con L1 e L2.

Il drago è rappresentato dalle quattro resistenze (R1 R2 R3 R4) e da due connessioni verso terra.
Due connessioni perché il drago nel disegno ha due zampe.
I becchi del drago sono stati sostituiti da due interruttori che sono S1 e S2.
Le resistenze (R1 R2 R3 R4) sono costruite in modo da produrre calore durante il funzionamento.

drago

Nello schema la barra in colore marrone rappresenta la “Terra” per cui si può idealmente supporre che i vari cavi penetrino direttamente nel terreno oppure sono connessi tramite pali metallici o tramite masse metalliche in modo che la terra offra la minor resistenza possibile.

Funzioni
Se i due interruttori (S1 e S2) sono aperti si accenderanno ambedue i gruppi di lampade con L1 e L2 in serie.
Se S1 è chiuso e S2 aperto si accenderà solo il gruppo L2
Se S2 è chiuso e S1 aperto si accenderà solo il gruppo L1
Se S1 e S2 sono chiusi le lampade saranno spente ma si produrrà calore all’interno del drago tramite R1 e R4, evidentemente R1 ha resistenza minore di L1 e di R2 + R3, ciò vale anche per il gruppo L2.

Nota
Le resistenze (R2 + R3) hanno lo scopo di fare il parallelo con la resistenza della terra per diminuire la resistenza totale.
Se poi s’immagina che R2 e R3 sono poste all’interno (nella pancia) del drago si comprende che l’alchimista desidera informarci che sapeva usare l’elettricità non solo per l’illuminazione ma anche per altri impieghi come la generazione di calore utilizzabile per cucinare o fondere i metalli.

Da quanto finora analizzato risulta chiaro che se il drago avesse una sola zampa il circuito sarebbe meno flessibile o non funzionerebbe correttamente.
Riassumendo, nella parte alta (all’interno del drago) le resistenze producevano calore per uso riscaldamento mentre con le due zampe connesse al terreno fanno pensare a tecniche di elettrodeposizione o fusione di metalli che avvenivano direttamente sui piedi del drago o su metalli connessi agli stessi piedi.

Si noti inoltre che l’intero circuito (all’apparenza complicato) è progettato per non essere mai disgiunto, in altre parole esso ha sempre una parte in funzione, ad esempio nelle lampadine circola sempre e comunque una corrente indipendentemente dal fatto che siano visibilmente accese. La nostra ipotesi su questo metodo di connessione sarà espresso nel seguito.

Qui sotto una figura da un’altro testo alchemico dove è evidente la produzione di calore.

AlchimiaCalore

Nel disegno che segue preso da un altro testo alchemico è in mostra una possibile elettrodeposizione:

 

AlchimiaElettrodeposizione

Le ipotesi appena espresse si ritrovano anche in un’immagine giapponese (qui sotto) dell’alchimia taoista dove le case (palazzi) rappresentano diversi possibili processi. Da notare nel disegno l’uso di un commutatore che abbiamo evidenziato con la lettera “C” che probabilmente è pilotato da un termostato molto simile a quello che sarà descritto in seguito.
Altre informazioni su questa immagine si possono trovare qui:

http://www.goldenelixir.com/jindan/japanese_body_chart.html

Le ipotesi appena espresse si ritrovano anche in un’immagine giapponese (qui sotto) dell’alchimia taoista dove le case (palazzi) rappresentano diversi possibili processi. Da notare nel disegno l’uso di un commutatore che abbiamo evidenziato con la lettera “C” che probabilmente è pilotato da un termostato molto simile a quello che sarà descritto in seguito.
Altre informazioni su questa immagine si possono trovare qui:

alchimia2

La grandezza dell’autore di “Book of the Holy Trinity” ma anche la grandezza di molti altri sapienti del più lontano passato è evidente dalla loro capacità di essere in anticipo rispetto al nostro tempo e non solo per le realizzazioni tecnologiche ma anche per la profonda conoscenza dei concetti che sono alla base della scienza.

Nello schema dell’alchimista sono disegnati due gruppi di lampade e da un esame sommario si potrebbe dedurre che le lampade sono ridondanti infatti un solo gruppo era più che sufficiente per illustrare il principio.

In verità l’alchimista non parla delle pile così come noi le intendiamo ma parla di una pila speciale dotata di tre poli, questa considerazione risulta evidente anche nell’immagine dell’alchimista giapponese che è stata riportata più sopra.
Una pila tripolare ha diverse proprietà fra le quali evidenziamo l’autoricarica, in altre parole questa pila si carica in modo autonomo mentre genera la corrente di funzionamento ed il concetto è valido e applicabile non sole alle pile ma anche agli accumulatori e ai condensatori elettrochimici.

Le configurazioni possibili di una pila tripolare sono diverse e noi abbiamo scelto quella che è stata disegnata nel nostro schema “equivalente” e ciò perché recentemente, grazie ad una scoperta casuale, questa configurazione è stata verificata e testata concretamente da diversi ricercatori.
Lo scopritore di questo circuito ha chiamato la sua invenzione effetto “Captret”.

Nel progetto dell’alchimista il terzo polo non è visibile perché la sua esistenza deve essere ricavata per deduzione; la deduzione è ipotizzabile da due condizioni: a) dal fatto che non era necessario usare due gruppi di lampade per descrivere ciò che ci voleva spiegare: b) nel titolo del libro c’è la parola (non causale) “Trinity” che significa: “formato da tre cose che operano insieme”.
Adottando il sistema tripolare e quando i due gruppi di lampade funzionano in modo alterno avviene che la sezione della pila che in quel momento è meno attiva si ricarica automaticamente.

L’effetto Captret non sarà analizzato in questa relazione perché troverete molto materiale di approfondimento in rete e se lo gradite potrete iniziare con questo film.

Captret test Movie
e poi continuare leggendo le discussioni del forum puntato dal link qui sotto dove troverete schemi, test e applicazioni
http://www.overunity.com/captret-effect/

In sintesi il Captret è un ordinario condensatore elettrolitico dotato di un contenitore metallico, il contenitore è usato come terminale e di conseguenza si ottengono tre terminali, i primi due sono il “più” e il “meno” tradizionali e l’altro è appunto il contenitore.
Prima di usare il condensatore come Captret è necessario polarizzarlo applicando per un certo periodo di tempo una tensione fra un terminale e il contenitore oppure è possibile polarizzare ambedue i terminali uno dopo l’altro.
Qui sotto lo schema tipico del Captret

carpret

   Nella pagina linkata qui sotto troverete tutte le indicazioni per la costruzione, preparazione e uso.
http://jnaudin.free.fr/captret/index.htm

Qui invece un breve filmato che mostra il Captret in funzione
Ricarica di un accumulatore con il Captret Movie

  
Attenzione non fate esperimenti elettrochimici se non avete la necessaria esperienza, rammentiamo che i condensatori le pile o gli accumulatori possono facilmente esplodere.

L’esempio del Captret però lo abbiamo proposto solo per dare un’idea delle potenzialità di un sistema tripolare ma il nostro alchimista si riferiva a ben altro che ancora non è noto alla nostra tecnologia.

Dunque, tramite l’alchimista abbiamo scoperto l’esistenza di una pila innovativa e l’impiego di un sistema di terra per semplificare e stabilizzare il circuito e normalizzare i potenziali.
Per continuare però dobbiamo dare anche una ragione della presenza del Re alato che troneggia nella figura.

Osserviamo, per iniziare, che al centro e nella parte alta delle ali è stata disegnata una stella.

stella

La stella notoriamente rappresenta una luce tremula e brillante che possiamo immaginare essere l’equivalente di una scintilla elettrica.
Essendo la scintilla causata normalmente dal contatto fra due conduttori si deduce che le ali del Re devono essere mobili e che per qualche meccanismo esse si congiungono disgiungono ad intermittenza.

Se osserviamo il Re notiamo che esso è costituito da due parti intimamente unite (un maschio ed una femmina) e che ogni parte ha colori diversi e tali da essere interpretabili come metalli.
 Nota
Il colore che ora appare nero è a base d’argento per cui all’origine era di colore lucido e brillante.

L’unione di due metalli diversi (e adatti) che sono saldamente congiunti in più punti formano una coppia bimetallica che può essere usata come un oscillatore termico.
http://scuola.zanichelli.it/online/ruffo_fisica-files/edAzzurra/Zanichelli_Ruffo_Scheda_10.pdf

Se la nostra ipotesi è corretta il Re alato è quindi uno strumento di misura che indica il livello di carica della pila per mezzo delle dilatazioni e quindi per effetto termico. La carica sarà quindi valutabile misurando la frequenza del ciclo intermittente oppure dal suono più o meno alto che emette.

Questo metodo di misura è anche razionale perché il solo valore della tensione per le pile o gli accumulatori non è sufficiente per valutare il reale stato di carica.

L’alchimista ci offre due informazioni supplementari che ci serviranno per comprendere il meccanismo interno del dispositivo e queste informazioni saranno anche di ausilio per la verifica della nostra ipotesi.
Gli indizi sono rappresentati dagli oggetti che il Re ha nelle mani e che sono: la Spirale a sinistra e i Serpentelli nella coppa a destra.

spiralecandela

Un termostato infatti può essere costruito in due modi diversi e tali da sfruttare al meglio la dilatazione di una coppia bimetallica, e cioè il metodo lineare e il metodo a spirale.
Qui sotto tre esempi, anche se ovviamente nel progetto dell’alchimista il calore è prodotto dalla corrente elettrica.
Termostato spirale Movie
Dilatazione lineare Movie
Motore a bimetallo Movie

Nell’antichità la coppia bimetallica era molto conosciuta ed era usata in diverse applicazioni sia come strumenti di misura è interruttori automatici sia come giocattoli o passatempo.
Nelle immagini qui sotto: a sinistra un semplice rotore giocattolo e a destra un interruttore di potenza.
Il rotore giocattolo funziona con la diversa dilatazione dei due fiori disposti in ciascun raggio mentre l’interruttore di potenza è simbolicamente rappresentato dalla testa della figura centrale, figura che nelle mani ha anche i due cavi di alimentazione.

gioco

Per vedere altre immagini fare click sul link riportato sotto che punta ad un’ampia galleria di disegni alchemici.
http://www.alchemywebsite.com/amcldraw.html

Nell’animazione al rallentatore ecco come appare il termostato bimetallico (Re alato) quando è in funzione.
Dal movimento dei contatti si comprende inoltre la ragione per la quale il Re è frequentemente disegnato con le ali di una farfalla; la velocità della commutazione infatti e simile a quella delle ali di questo insetto.

ReInFunzione

I simboli grafici e i disegni mostrati dall’alchimista sono un modo con il quale descrivere con la massima precisione sia la costituzione sia la funzionalità di questo strumento ma nella realtà pratica il suo vero aspetto può essere ovviamente diverso.

Come detto esistono moltissime immagini e in tutte le culture antiche che riconducono a quanto abbiamo affermato e cioè alla stella associata ad una coppia di contatti usati sia per la semplice interruzione (misura) sia per il sezionamento di potenza.
Qui sotto un’immagine Celtica che è conservata in Italia nell’abbazia Cisterncense Santa Maria di Chiaravalle a Fiastra (Macerata),

SerpentiStella

 

e un  bassorilievo da Cnosso (1500 ac) dove il contatto è realizzato spingendo prima con una mano e poi con l’altra con un movimento basculante che usa la testa come fulcro.

StellaDolmen

 

Nello documento “Book of the Holy Trinity” troviamo un secondo dispositivo che è simile come meccanismo d’azione (termostato) ma è differente per l’impiego infatti il primo (già descritto sopra) è uno strumento di misura mentre il secondo è un interruttore intermittente di potenza che ora descriveremo.

Ecco l’immagine del secondo dispositivo.

alchimia4

Questo interruttore termico partecipa nel circuito in modo attivo facendo si che la dilatazione termica agisca per mettere in contatto le due teste del drago e quindi chiudere il circuito primario del trasformatore al quale è connesso.
Si noti che l’autore ha disegnato le ali in modo che l’azione sia evidente e inconfutabile.
L’ala in colore verde spinge la testa del drago di sinistra contro la testa di destra, l’ala in colore blu invece è separata dal circuito di potenza perché essa fa parte esclusivamente del sistema di misura, misura che come già detto è determinabile dalla frequenza del ciclo.

coppia

Il drago inoltre è isolato elettricamente dal sistema di misura (si osservi il colore uniforme della sua pelle) e il termostato preleva la sua corrente di funzionamento da due prese indicate dai piedi del Re.

L’alchimista ci informa anche sul valore delle tensioni impiegate nel circuito e ci consiglia di proteggere alcune aree isolandole accuratamente.
Si noti che nel disegno ci sono 5 corone, una corona è sulla testa, due sono ben evidenti perché sono poste una sulla spada e l’altra sulla mano sinistra del Re mentre le due rimanenti sono seminascoste dietro i piedi.

piedi

Le corone rappresentano simbolicamente la forma dell’arco voltaico che se s’innescato può essere pericolosissimo sia per le persone sia per l’impianto.
Ai giorni nostri l’effetto che è simboleggiato dalle “corone” porta lo stesso nome e infatti si chiama: “Corona discharge”.

Ecco un esempio e più sotto un link per approfondire:

corona

http://en.wikipedia.org/wiki/Corona_discharge

Ci piace evidenziare che le corone poste ai piedi sono disegnate con diverso colore, con questa informazione l’alchimista ci dice che (lui) era a conoscenza del fatto che l’effetto “Corona” può assumere due forme, quella negativa e quella positiva.
In questo link troverete moltissime immagini relative a due tipi di corone.
http://www.electrotherapymuseum.com/2012/Article/index.htm

Riassumendo:
La tensione è certamente maggiore di 15 Kv e i punti da proteggere con un accurato isolamento sono dunque cinque:
1) La Testa protegge il bimetallo che è il corpo conduttore del termostato
2) La spada che rappresenta il sezionatore di potenza, punto più pericoloso
3) I due piedi che sono le prese di alimentazione del termostato
4) Mano sinistra che è l’elemento vibrante per fare le misure di frequenza.

bis

Riprendendo ora la descrizione del sistema elettrico che è rappresentato dalle figure del nostro testo alchemico ricordiamo prima di tutto che un interruttore ad intermittenza (termostato) posto in serie nell’alimentazione di un avvolgimento svolge l’importante funzione di consentire l’uso delle proprietà di un circuito magnetico, in altre parole una corrente continua (quella della pila) quando impulsiva ha la stessa funzionalità di una corrente alternata.
http://it.wikipedia.org/wiki/Trasformatore

Ecco per iniziare uno schema funzionale generico però non equivalente a quello dell’alchimista.

circuito2

In questo schema il termostato funziona come un interruttore che apre e chiude ciclicamente ed è stato disegnato con una freccetta rossa e la sigla: “T C”.

Nello schema dell’alchimista invece il termostato è progettato per agire in modo indiretto, in altre parole non è la corrente che passando direttamente attraverso il bimetallo provoca il suo riscaldamento ma è una resistenza esterna (alimentata a parte (vedi piedi del Re)) che riscalda e crea di conseguenza l’azione meccanica di apertura chiusura.
Questa configurazione circuitale è indispensabile per separare il circuito di comando da quello di potenza in modo che la frequenza del ciclo risulti per quanto possibile costante e solo in misura ridotta dipendente dal carico.
circuito3

Nello schema riportato sopra la resistenza riscaldante (RC) e il circuito d’alimentazione sono disegnati in rosso.

Il funzionamento del termostato è semplice ma non immediatamente intuitivo.
1) Inizialmente TC è aperto e nella resistenza RC circola una corrente continua proveniente dalla pila.
2) La resistenza RC riscalda il bimetallo che raggiunta la sua temperatura scatta e chiude il contatto di potenza.
3) Quando il sezionatore di potenza è chiuso la corrente circola in tutto il circuito ma poiché la resistenza di RC è molto maggiore di quella degli avvolgimenti la temperatura di RC diminuisce e il bimetallo di conseguenza apre il contatto e poi, evidentemente, il ciclo si ripete.

Le informazioni per la costruzione del meccanismo che è stato ora descritto si ricavano dal disegno della spada nella quale è infilata una corona in colore rosso e dai piedi del Re che sono connessi in una presa intermedia del trasformatore (drago).
La spada rappresenta il sezionatore di potenza mentre la corona rossa rappresenta la resistenza riscaldante che pilota il ciclo.
spada

Il disegno del drago ci suggerisce anche come costruire e avvolgere il trasformatore.

Per iniziare si osservi la doppia simmetria e la specularità delle quattro teste del drago.

drago2

Questa immagine indica che il trasformatore è costituito da due avvolgimenti separati e che ogni avvolgimento è stato avvolto con il metodo bifilare (orecchie) con senso d’avvolgimento contrario all’altro e infine ci mostra le quattro prese (bocche) da cui prelevare l’alta tensione.
Le zampe del drago sono l’ingresso della corrente continua (+ -) proveniente da una pila o da un sistema elettrochimico.

Il disegno che l’alchimista ci propone è assolutamente straordinario perché esso ci dimostra non solo la conoscenza dell’elettromagnetismo nella sua forma classica ma dimostra anche la conoscenza dei fenomeni di autoinduzione generati senza l’uso di un nucleo ferromagnetico.
In definitiva le poche figure del suo trattato sono la rappresentazione grafica di tutto ciò che oggi noi conosciamo dell’elettrotecnica e forse contengono anche altro che al momento è ancora da scoprire.

Lo configurazioni possibili di questo schema sono veramente molte, noi abbiamo descritto una probabile configurazione (alimentazione dai piedi del drago in CC) ma ci dobbiamo fermare per non rendere questo nostro modesto lavoro in un compendio di elettrotecnica fantascientifica.
Comunque per un minimo di completezza rammentiamo che Tesla fu il primo a fare esperimenti di bobine in aria che in definitiva nello schema dell’alchimista significa alimentare un avvolgimento del drago e usare come uscita il secondo avvolgimento che contrapposto, troverete altre informazioni qui:
http://it.wikipedia.org/wiki/Bobina_di_Tesla

Ecco un altro possibile schema equivalente:
avvolgimenti
Per altre informazioni inerenti la tecnica degli avvolgimenti antinduttivi si consiglia di leggere Leedskalnin.
http://www.leedskalnin.com

Da un altro testo di alchimia riportiamo il progetto di un trasformatore simile a quello appena descritto anche se le due sezioni, primario e secondario sono distinte e elettricamente isolate.

dueteste

Un trasformatore costruito con queste caratteristiche consente di creare elevate tensioni impulsive con le quali è possibile fare molte cose come generatori, motori e ricaricare gli accumulatori, ecc.

Per i sistemi riferiti a masse multiple (come evidenziato dalle zampe del drago) da usare come generatori si consiglia la lettura di Kapanaze.
http://jnaudin.free.fr/kapagen

Per i metodi caricabatteria si consiglia la lettura dell’argomento Tesla Switch.
http://www.panaceauniversity.org/Tesla Switch.pdf


Curiosità
:
1) Il mercurio è perfettamente adatto per costruire bimetalli azionabili tramite calore.
2) Se volete conoscere come il simbolo del termostato si è graficamente evoluto negli anni per poi diventare santo ricercare con le parole: “double head Eagle”, un risultato qui sotto:
http://en.wikipedia.org/wiki/Double-headed_eagle

LA NASCITA DI UN SISTEMA COSCIENTE

NASCITA

 

Quando si crea  un sistema chiuso, sia esso biologico o meccanico,  in grado di  compiere delle azioni che gli permettono di autostenersi, si creano di conseguenza le condizioni ottimali  affinché uno spirito “adatto”  ne faccia la sua alcova   prendendo il controllo del sistema. La legge naturale  tende a  combinare ogni spirito errante con la situazione più adatta al suo grado di  evoluzione.

Per spirito si intende la rappresentazione di un centro di volontà.

La prima espressione di  individualità del sistema,  sarà il desiderio e la ricerca  di autoconservazione. Esso cercherà pertanto, nei limiti del suo campo di controllo,  di metter  in atto  azioni semplici atte alla  difesa della sua incolumità e al suo  sostentamento.

La seconda espressione di volontà sarà dimostrata con il tentativo di aumentare le proprie  esperienze i al fine di poter vantare  una storia personale e dimostrare una creatività differenziale.

La terza espressione di volontà sarà il tentativo di procreare altri sistemi ripetendo la forma –matrice che lo contraddistingue, con lo sviluppo del  concetto di  appartenenza e di specie e la conseguente  spinta alla sua  preservazione.

fiore

 

Littleflower

linee guida per l’antigravità

Reprinted from AMERICAN JOURNAL OF PHYSICS, Vol. 31, No. 3, 166-170, March, 1963

Printed in V. S. A.

Linee guida per l’antigravità.

ROBERT L. FORWARD

Hughes Research Laboratories, Malibu, California

(12 Settembre 1962). Questo documento mette in luce certi aspetti poco conosciuti relativamente alla teoria di Einsten della relatività. Anche se queste caratteristiche sono teoreticamente di minore importanza, la loro comprensione e uso possono portare alla generazione e controllo delle forze gravitazionali.  Sono descritte tre distinte forze gravitazionali non –newtoniane. Le aree di ricerca che possono portare a metodi di controllo della gravita sono evidenziate e vengono date linee guida per un’inizio di ricerca in queste aree.

INTRODUZIONE

Nella teoria generale della relatività di Einstein si forniscono vari sistemi per generare forze non Newtoniane gravitazionali. Teoreticamente tutte queste forze possono essere usate per contrapporsi ai campi gravitazionali della terra, agendo così a formare antigravità. Le tre che vengono evidenziate qui erano probabilmente conosciute da Einstein prima  che pubblicasse i suoi lavori sul principio della relatività del 1916 (1). Queste vennero derivate specificatamente da Thirring (2) nel 1918, e da alloro sono state incluse in quasi tutti i testi della relatività generale (3-5)

Anche se le forze non Newtoniane sono ben conosciute dai teorici  della relatività generale, questi sono poco informati di quelle esterne al campo, ed è per questa ragione che probabilmente una discussione semplificate di questi effetti gravitazionali non usuali, potrebbero essere interessanti per i non specialisti. Le equazioni della relatività generale non solo predicono il comportamento  normale della  forza gravitazionale radiale  Newtoniana di una massa stazionaria in un  corpo stazionario di prova, ma prevedono anche che una massa in movimento può creare forze su un corpo di prova che sono simili alla normale forza centrifuga e di coriolis, anche se molto più piccole. Inoltre quando le equazioni di campo della relatività generale sono lineari, risultano in un gruppo di  equazioni di campo gravitazionale dinamico   simile alla equazioni di Maxwell. Pertanto si possono usare immagini intuitive dalla teoria elettromagnetica per disegnare modelli teorici.  Se  l’effetto predetto dalla teoria con equazioni lineari esista sul serio, naturalmente, deve essere comprovato da calcoli ripetitivi con le equazioni di campo non lineari. Il punto essenziale è che di queste forze non usuali creano accelerazioni che sono indipendenti dalla massa del corpo testato e le forze sono pertanto indistinguibili dalla comune forza gravitazionale newtoniana.

 (1) A. Einstein, Ann. Phys. (New York) 49, 769 (1916);see also A. Einstein, Principle of Relativity (Dover Publications, Inc., New York, 1923).

(2) H. Thirring, Z. Phys. 19, 33 (1918); and 22, 29 (1921).

(3) C. Moller, The Theory of Relativity (Oxford UniversityPress, London, 1952), pp. 317ff.

(4)J. Weber, Relatività generale e onde gravitazionali

(Interscience Publishers, Inc., New York, 1961), p. 160.

(6)J. Landau and E. Lifshitz, The Classical Theory of Fields

(Addison-Wesley Publishing Company, Inc., Reading, Massachusetts, 1959).

FORZE GRAVITAZIONALI NON NEWTONIANE

Effetto di masse in rotazione su corpi stazionari

Usando la teoria generale della relatività per sistemi di masse in rotazione può essere mostrato che oltre ai termini usuali newtoniani, il potenziale scalare gravitazionale contiene termini che  aumentano con la rotazione del corpo. Una delle forme che è stata studiata rigorosamente  è  un solido anello rotante . Per un anello solido che ruota sul piano X-Y l’accelerazione non Newtoniana rispetto a un   corpo stazionario di prova è aprossimatamente:

dove M e R sono la massa e il radio del anello, 03 è la velocità angolare, G=6,67X10-11 m3/kg-sec2 è la costante gravitazionale newtoniana, c  è la velocità della luce, e x,y,z sono le coordinate del corpo di prova rispetto all’origine della massa rotante. Da queste equazioni è evidente che la massa rotante non solo spinge il corpo di prova lontano dall’asse esercitando una specie di   forza centrifuga, ma spinge anche verso l’alto nel piano di rotazione come mostrato nella fig. 1

Effetto delle masse rotanti su corpi in movimento

E’ stato evidenziatoo che una massa rotante esercita una forza simili alla forza centrifuga su un corpo di prova stazionario; inoltre, se il corpo di prova si muove alla stessa velocità costante v, esso sarà soggetto ad una forza addizionale che è proporzionale al prodotto inverso della velocità angolare della massa rotante e la velocità lineare del corpo di prova. La forza addizionale può essere comparata con altre due:meccanicamente , agisce come una debole forza di Coriolis; elettricamente, agisce come l’equivalente gravitazionale della forza di Lorenz su una particella carica che si muove attraverso un campo magnetico.

Una delle immagini, che è  stata investigata è un guscio massiccio sferico rotante .  L’accelerazione su un corpo di prova che si muova con una velocità interna al  guscio V è approssimativamente.

Dove vx e vy sono i componenti x e y della velocità del corpo di prova e M e R sono la massa e il radio del guscio sferico. Il primo termine in ciascuna espressione è la forza di tipo centrifugo,  su un corpo di prova stazionaria descritta nella sezione precedente. Il secondo termine nei componenti dell’accelerazione   x  e y dipendone dalla velocità del corpo di prova nella figura 2.

Effetto di masse accelerate su un corpo stazionario

 

Nell’usare la teoria di Einstein per investigare l’effetto di una grande  masse accelerata  su un piccolo corpi di prova,è stato trovato che il corpo accelerato si trascina con se il corpo di prova . Le giuste equazioni sono

dove M, a e v sono rispettivamente la massa, l’accelerazione e la velocità del corpo grande, ,e R è la distanza dal copro piccolo al corpo grande.  Inoltre nella normale attrazione newtoniana, il copro di prova è soggetto a  forze  nella direzione dell’accelerazione e la velocità del  corpo  grande come mostrato nella Fig 3

CREAZIONE DI FORZE GRAVITAZIONALI NON NEWTONIANE.

Dispositivi che usano masse in movimento

Le equazioni della sezione precedente  contengono due fattori comuni. Uno è il campo gravitazionale Newtoniano.

E l’altro è il rapporto del sistema caratteristico di velocità con la velocità della luce come

Per ottenere una quantità misurabile di forza gravitazionale, queste quantità devono essere più grande possibile. Per ottenere un grande campo gravitazionale, bisogna avere o una grande massa o una grande densità, Più grande è la densità, e minore  massa totale è necessaria per raggiungere lo stesso campo gravitazionale.

Per ottenere alte velocità di rotazione, noi non possiamo usare la forza meccanica dei materiali visto che questo limita la velocità equatoriale ottenibile ad approssimatamente la velocità del suono. A causa di ciò , sarà necessario usare i campi per tenere i sistemi assieme sotto stress inerziali. Un esempio sarebbe gli alti campi gravitazionali ottenibili con la materia densa. Comunque, qualsiasi strumento pratico che può essere costruito userebbe probabilmente campi magnetici o elettrici. Usando le forze elettromagnetiche  per contenere sistemi rotanti, sarebbe possibile per le masse raggiungere velocità relativistiche;  così un relativamente piccolo ammontare di materia, se è abbastanza denso e si muove abbastanza velocemente, può produrre effetti gravitazionali utilizzabili.

Un esempio di un sistema tenuto assieme da campi gravitazionali  è un sistema solare binario di nane bianche . L’equazione di forza che descrive la rotazione mutuale delle stelle è :

Una particella che arrivi vicino al sistema sperimenterà non solo un’accelerazione radiale

Ma anche un’accelerazione tangenziale.

Dove b è la distanza della particella dal centro del sistema.

Nell’applicare queste equazioni ad un oggetto di prova (come per esempio un veicolo spaziale) che passi per questo sistema di stelle, è evidente che, in generale, l’accelerazione radiale non introdurrà nessun cambiamento di velocità, ma che l’accelerazione tangenziale trasferirà energia e momento al veicolo. Per una stella binaria di neutroni questa accelerazione può essere più grande  di un milione di g; anche se queste accelerazioni sembrano molto grandi ma non ci sarà alcun stress per il corpo umano perché le forze sono gravitazionali. Tali sistemi  possono essere usate per accelerare il veicolo spaziale fino a quasi la velocità della luce.

continua

Simbologia esoterica

da LA DOTTRINA SEGRETA – Blavatsky

blawasky

La Dottrina Segreta dice che all’inizio di un periodo attivo ha luogo un’espansione di questa Essenza Divina dall’esterno all’interno e  dall’interno all’esterno, in conformità della legge eterna ed immutabile; e l’universo fenomenico o visibile è il risultato ultimo della lunga catena di forze cosmiche messe progressivamente in moto.

E così, tornando alla condizione passiva, l’Essenza Divina si contrae, e l’opera anteriore della creazione viene gradatamente e progressivamente annullata. L’universo visibile si disintegra, i suoi materiali si disperdono e “la tenebra” solitaria e unica aleggia ancora una volta sulla faccia dell’abisso.”

Per usare una metafora tolta dai libri segreti e adatta a rendere l’idea ancora più chiara, un’espirazione dell’“essenza sconosciuta” produce il mondo, ed una inspirazione lo fa scomparire. Questo processo è in azione da tutta l’eternità, e il nostro universo attuale non è che uno delle infinite serie che non hanno princìpio e che non avranno mai fine

La prima figura è un semplice disco    .

La seconda, nel simbolo arcaico, è un disco    con un punto al centro, prima differenziazione nelle manifestazioni periodiche della Natura eterna, senza sesso ed infinita, “Aditi in QUELLO”, 1 o lo Spazio potenziale entro lo spazio astratto.

Nella terza fase il punto si trasforma in un diametro   . Questo è il simbolo della Madre-Natura divina ed immacolata, nell’Infinità assoluta che abbraccia tutto.

Allorché questo diametro orizzontale è attraversato da un altro verticale   ,  abbiamo la Croce Terrena. L’umanità ha raggiunto la sua terza Razza-Radice; è il segno dell’origine della Vita umana.

Quando la circonferenza scompare e lascia solo la croce +, è il segno che la caduta dell’uomo nella materia è compiuta, ed ha inizio la Quarta Razza.

La croce nel cerchio simboleggia il puro Panteismo; quando la croce non è circoscritta, il segno diviene fallico. Aveva lo stesso significato, come pure altri, come un Tau iscritto nel cerchio,  , o come un “martello di Thor”, la così detta croce Jaina, o Svastika, dentro al cerchio  .

Il terzo simbolo,  il cerchio diviso in due da un diametro orizzontale — serviva a indicare la prima manifestazione della Natura creatrice, ancora passiva perché femminile. La prima vaga percezione dell’uomo, per quanto riguarda la procreazione, è femminile, poiché l’uomo conosce meglio sua madre che suo padre. Per questo motivo le divinità femminili erano considerate più sacre di quelle maschili. La Natura, dunque, è femminile e, fino ad un certo punto, oggettiva e tangibile; e il Princìpio Spirito che la feconda è celato.

2 Aggiungendo una linea perpendicolare al diametro orizzontale del cerchio, veniva formato il tau, la più antica forma di questa lettera. Era il glifo della terza Razza-Radice fino al giorno della sua caduta simbolica, cioè quando ebbe luogo la separazione dei sessi per evoluzione naturale; allora la figura divenne , o la vita asessuata, modificata o separata — un doppio glifo o simbolo. Con le sotto-razze della nostra Quinta Razza esso divenne in simbologia il Sacr’ e in ebraico N’cabvah, delle Razze formate per prime;

3 poi esso si trasformò nell’egiziano  l’emblema della vita, e più tardi ancora nel segno di Venere ♀. Viene quindi la Svastika (il martello di Thor, o “Croce Ermetica”), che essendo interamente separata dal suo cerchio diviene così puramente fallica. Il simbolo esoterico del Kali Yuga è la stella rovesciata a cinque punte , , con le sue due punte (corni) voltate verso il cielo, il segno della stregoneria umana, posizione che ogni occultista riconoscerà appartenere alla Magia della “mano sinistra” ed usata in magia cerimoniale.


Nel libro di alchimia del 1738  “Catena Aurea Homeri”,  troviamo un  illustrazione  che dovrebbe rappresentare  come parte di una Scala dell’ Essere che va dal Caos Universale sino alla Quintessenza usando gli stessi simboli:

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è aurea.jpg

……….

Il Catechismo Occulto contiene le seguenti domande e risposte:
Che cosa è ciò che è sempre?” 

“Lo Spazio, l’eterno Anupâdaka.” [Senza Genitori]
 “Che cosa è ciò che fu sempre?”

“Il Germe nella Radice.”

 

“Che cosa è ciò che va e viene continuamente?”

“Il Grande Soffio.”

 

 “Vi sono dunque tre Eterni?”

“No, i tre sono uno. Ciò che è sempre è uno, ciò che fu sempre è uno, ciò che sempre è e sempre diverrà è pure
uno: e questo è lo Spazio.”
“Spiega, o Lanu, [discepolo].”

“L’uno è un Cerchio [Anello] ininterrotto, senza circonferenza, perché esso è dappertutto ed in nessun luogo; l’Uno è il Piano illimitato del Cerchio, che manifesta un Diametro soltanto durante i periodi manvantarici; l’Uno è il Punto indivisibile che non si trova in nessun luogo, percepito ovunque durante quei periodi; è la Verticale e l’Orizzontale, il Padre e la Madre, la sommità e la base del Padre, le due estremità della Madre, che non raggiungono in realtà nessun luogo, perché l’Uno è l’Anello come pure gli Anelli che sono in quell’Anello. È la luce nelle Tenebre e le Tenebre nella Luce: il “Soffio che è eterno”. Esso procede dall’esterno all’interno, quando è ovunque; e dall’interno all’esterno, quando non è in nessun luogo — (cioè Mâyâ,1 uno dei centri). 2 Esso si espande e si contrae [esalazione ed inalazione]. Quando si espande, la Madre si diffonde e si dissemina; quando si contrae, la Madre si ritira e si raccoglie. Ciò produce i periodi di Evoluzione e di Dissoluzione, Manvantara e Pralaya. Il Germe è invisibile e ardente: la Radice [il piano del Cerchio] è fredda, ma durante l’Evoluzione e il Manvantara, la sua veste è fredda e radiante. Il Soffio caldo è il Padre che divora la progenie dell’Elemento dalle molteplici facce [eterogeneo], e lascia quelli che hanno solo una faccia [omogeneo]. Il Soffio freddo è la Madre che li concepisce, li forma, li alleva e li riprende nel suo seno, per riformarli all’Aurora [del Giorno di Brahmâ o Manvantara.]